La Grande Sfida on tour (conf stampa)
La conferenza stampa di presentazione di "La Grande Sfida on tour"

Una Grande Sfida in tour, nel segno del dialogo e dell’inclusione, per far incontrare le persone nelle piazze, nelle strade e nei luoghi di vita. Presentata nella sede dell’ULSS 9 Scaligera “La Grande Sfida On Tour”, la sezione itinerante della manifestazione internazionale di cultura, sport, arti e dialogo. Dopo un weekend a Verona, La Grande Sfida da oggi si snoda in provincia, con tappe a Negrar di Valpolicella (dal 14 al 27 settembre), Bovolone (dal 20 settembre al 5 ottobre), Verona (29 settembre) e Illasi (dal 27 settembre al 9 ottobre). 

A presentare il tour sono stati il dr. Raffaele Grottola, Direttore dei Servizi Socio Sanitari ULSS 9 Scaligera, Roberto Nicolis, presidente del consiglio direttivo de La Grande Sfida; Roberto Grison, sindaco del Comune di Negrar di Valpolicella e l’assessore ai Servizi Sociali del Comune negrarese Franca Righetti; Maria Teresa Burato, assessore a sport e attività produttiva del Comune di Bovolone con Adriano Bissoli, consigliere al patrimonio dello stesso Comune; e Paolo Tertulli, sindaco di Illasi. 

«Come ULSS 9 sosteniamo da anni La Grande Sfida e torniamo a farlo dopo un periodo di stop, dovuto al lockdown e alle misure anti Covid-19 -, afferma il dr. Raffaele Grottola -. Ma ricordo che i Centri Diurni per Disabili, i CEOD, dal maggio 2020 non hanno mai smesso di svolgere la propria attività. E questi centri sono l’anima della Grande Sfida, insieme ad altre strutture». 

«Dopo l’occasione de La Grande Sfida International, con migliaia di persone in centro a Verona – ha spiegato Roberto Nicolis – inizia il tour: da oggi 14 settembre saremo a Negrar, poi a Bovolone, a Verona in Piazza Erbe il 29 settembre e poi a Illasi, in rappresentanza dei 4 Distretti. Tutto questo in collaborazione con l’ULSS 9 Scaligera e il Comitato dei Sindaci. Quest’anno non ci sarà, causa norme anti Covid-19, l’inserimento dei ragazzi nei negozi ma saremo presenti ugualmente attraverso la mostra “Street Gallery” con opere che provengono da 50 Centri Diurni e Centri di Salute Mentale. Attraverso i CEOD abbiamo concordato di partecipare attivamente al mercato dei diversi Comuni e nel tour avremo giornate sportive, giochi e incontri con realtà sociali e Associazioni di ogni cittadina. Le giornate si concluderanno con momenti di comunità (la Santa Messa), momenti conviviali e spettacoli».

Articolo precedenteLa pieve di Santa Giustina a Palazzolo
Articolo successivoMurart, un collettivo urbano che lascia il segno