Home Gli Innovatori Notaio informa: sospensione e/o proroga dei termini di scadenza degli adempimenti

Notaio informa: sospensione e/o proroga dei termini di scadenza degli adempimenti

Lo stato di emergenza derivante la pandemia in essere in Italia ed in tutto il mondo ha indotto il legislatore a prorogare o sospendere i termini entro i quali si dovevano porre in essere degli adempimenti. Vediamo quali.

Oggi si parlerà della sospensione e/o proroga dei termini di scadenza entro i quali si dovevano effettuare degli adempimenti per non decadere dalle  agevolazioni, con particolare riferimento alla prima casa che più interessa i cittadini.

Lo stato di emergenza derivante la pandemia in essere in Italia ed in tutto il mondo ha indotto il legislatore a prorogare o sospendere i termini entro i quali si dovevano porre in essere degli adempimenti, per permettere alle persone di non perdere i benefici delle agevolazioni richieste.

Quali sono i casi più importanti?

  • Se l’acquirente doveva trasferire la residenza nel comune in cui  ha acquistato la sua prima casa entro 18 mesi dall’acquisto,  il termine è sospeso tra il 23 febbraio 2020 al 31 dicembre 2020 e quindi decorrerà dal 1 gennaio 2021.
  • Se l’acquirente doveva vendere la sua precedente prima casa perché ha acquistato una nuova prima casa entro un anno dall’acquisto, anche qui la decorrenza del termine è sospesa nel periodo fra il 23 febbraio 2020 al 31 dicembre 2020 e pertanto decorrerà dal 1 gennaio 2021.
  • Se l’acquirente aveva venduto la sua prima casa prima dei cinque anni e doveva acquistare una nuova casa entro un anno per non decadere dalle  agevolazioni, il termine è sospeso sempre nel periodo tra il 23 febbraio ed il 31 dicembre 2020 . Pertanto decorrerà dal 1 gennaio 2021.
  • Se l’acquirente  ha goduto del credito di imposta e come condizione doveva vendere entro un anno la precedente prima casa, il termine è sempre  sospeso dal 23 febbraio al 31 dicembre 2020.
  • Se l’acquirente ha acquistato la  sua prima casa ed ha contratto anche un mutuo,  i termini previsti per effettuare gli  adempimenti relativi ( destinare ad abitazione l’immobile entro un anno, o ultimare la costruzione/ ristrutturazione entro determinati termini)  per poter poi detrarre  gli interessi passivi sul mutuo  (19% sul massimo di € 4000), questi termini  non sono stati sospesi o prorogati.

Pertanto sembrerebbe che per quanto riguarda il versante fiscale non ci sia la proroga .

Con la normativa Covid 19 e con i vari decreti intervenuti sono stati introdotte delle semplificazioni nel settore fiscale, tributario, societario e degli enti, in particolare quelli del terzo settore.

Sono previste maggioranze semplificate per poter procedere a deliberazione statutarie riguardanti modificazioni  e sono stati previsti sistemi di videoconferenza, di collegamento a distanza per le assemblee al fine di evitare la presenza fisica dei soci alla riunione.