Paolo Ferrarese

Paolo Ferrarese, presidente di Confagricoltura Verona, racconta le sfide del settore agricolo, gli effetti della globalizzazione e le misure di contrasto ai nuovi infestanti; e ancora, la necessità di innovare senza, il più delle volte, il riconoscimento economico dello sforzo. La cultura del biologico e la complessità del rapporto con l’Europa. Tutto questo nella nuova puntata di Veronesi Protagonisti.

CHI È

Paolo Ferrarese, 59 anni sposato con due figli, è contitolare con il fratello di una azienda agricola a Sorgà ad indirizzo cerealicolo-zootecnico; l’allevamento è formato da una mandria di 250 frisone di cui circa 100 in mungitura.
Da sempre impegnato in Confagricoltura ha ricoperto numerosi incarichi fra cui Presidente dell’ANGA, consigliere nelle associazioni allevatori, consigliere della Camera di Commercio, consigliere della Fabbrica Perfosfati Cerea, vicepresidente e membro di Giunta di Confagricoltura Verona. Attualmente è membro di Giunta di COMAL cooperativa mantovana allevatori. Al suo secondo mandato come presidente di Confagricoltura Verona.

L’ENTE

Confagricoltura è l’organizzazione di rappresentanza e tutela dell’impresa agricola italiana. Riconosce nell’imprenditore agricolo il protagonista della produzione e persegue lo sviluppo economico, tecnologico e sociale dell’agricoltura e delle imprese agricole.
I suoi organi sono le Federazioni regionali (presenti in ogni regione), le Unioni provinciali (in tutte le province) gli uffici zona e le delegazioni comunali (oltre 2.200 uffici); le Federazioni di categoria (cui fanno capo i sindacati regionali e provinciali di categoria) e le Federazioni di prodotto (che inquadrano le corrispondenti sezioni regionali e provinciali di prodotto). La sede è a Roma, nello storico Palazzo Della Valle. È anche presente a Bruxelles, con un proprio ufficio di rappresentanza, e in altri Paesi dell’Unione Europea