bike station marano di valpolicella tenuta santa maria valverde

Si chiama “Storie di sviluppo rurale tra presente e futuro” la docuserie della Regione Veneto dedicata agli agricoltori che, utilizzando i fondi europei del Programma di sviluppo rurale (Psr), hanno investito in innovazione, sostenibilità ambientale e competitività aziendale.

Tra le aziende venete citate dalla Regione c’è la Tenuta Santa Maria Valverde, in località Gazzo a Marano di Valpolicella, che ha ottenuto un finanziamento di oltre 14mila euro su 31mila per realizzare una bike station dove i ciclisti possono sostare, effettuare piccole riparazioni e riposarsi. Un progetto che ha previsto anche l’acquisto di sette biciclette elettriche di nuovissima generazione che i visitatori possono utilizzare per visitare i vigneti della tenuta e vivere in modo green e sostenibile la campagna attorno.

«La Valpolicella è un territorio particolarmente amato dai ciclisti per la sua ricchezza di itinerari nella natura e l’unicità dei suoi paesaggi – racconta Ilaria Nidini, che con il marito Nicola Campagnola conduce l’azienda vitivinicola e fa parte dei viticoltori di Confagricoltura Verona -. Sono numerosi gli sportivi che decidono di affrontare le curve e i tornanti che portano in altura alla Crocetta di Marano. E pure noi siamo sportivi. Così ci è venuta l’idea di valorizzare le risorse ambientali e storiche del territorio puntando sul turismo rurale sostenibile legato al cicloturismo, mettendo a disposizione del turista biciclette elettriche e un punto di ristoro. Un turismo enologico, insomma, abbinato a escursioni sulla due ruote. Un progetto molto stimolante, che ci permetterà di sviluppare un’accoglienza in cantina non solo tramite la conoscenza del vino, ma anche attraverso la cultura rurale. I visitatori potranno esplorare il territorio, con un approccio green, e poi venire in cantina a degustare i nostri prodotti».

«La bike station è a disposizione dei turisti dall’1 aprile al 30 ottobre – spiega Nicola Campagnola –. I veri amanti delle due ruote si prendono quotidianamente cura delle loro biciclette e sono davvero esigenti. Nella nostra bike station possono reperire tutti gli attrezzi utili per la manutenzione e le piccole riparazioni di cui la bicicletta ha bisogno. Peraltro la tradizione del ristoro in località Gazzo, anche se con modalità diverse, risale a tempi antichi. La Tenuta Santa Maria Valverde, antica cascina rurale dove sgorga l’acqua di fonte, era già dall’Ottocento una posta di ristoro posta alle pendici della collina che da Fumane porta a Marano di Valpolicella».

Ilaria Nidini con alcune cicliste

«Un’iniziativa che si pone perfettamente in linea con un’agricoltura veronese che punta a essere sempre più sostenibile, equilibrata e competitiva – sottolinea Paolo Ferrarese, presidente di Confagricoltura Verona -. Il Psr regionale, che ha stanziato 1 miliardo di euro di risorse per il periodo che va dal 2014 al 2020 (in buona parte già erogate), è una buona opportunità che si apre anche per mettere in campo progetti ambiziosi, altrimenti difficili da realizzare in tempi di crisi di molti settori, aggravata nell’ultimo anno dall’emergenza sanitaria. La Regione Veneto è particolarmente virtuosa perché sta spendendo le risorse in campo che possono aiutare le aziende a potenziare la redditività e la competitività».