Cesare, Verona Marathon è un appuntamento più che tradizionale per i podisti Veronesi e non solo: come sappiamo è frequentata anche da tantissime persone al di fuori della nostra città e persino dell’Italia. Come l’edizione di quest’anno?

La manifestazione è un appuntamento fisso nel calendario del panorama podistico internazionale, quindi assolutamente non solo italiano. Quest’anno è un’edizione speciale perché festeggeremo il ventesimo anniversario: un bel compleanno da festeggiare e da onorare al meglio. Sicuramente, per via della pandemia, ci saranno meno partecipanti dall’estero, si sta viaggiando ancora poco rispetto al passato anche se devo dire che qualcosina è migliorato.  

Come possiamo anche vedere dal sito dell’evento, questa volta non ci sarà un solo appuntamento ma ce ne saranno ben tre: parliamo della Verona Marathon, della Zero Wind Cangrande Half Marathon e l’Avesani Dieci Chilometri, quindi tre appuntamenti pensati per altrettante tipologie di podisti

Sì, esattamente, in questa maniera i vari podisti possono mettersi alla prova, in base al grado di allenamento: la maratona di 42 chilometri è la distanza olimpica per eccellenza, una prova piuttosto dura; la mezza maratona è la distanza più amata dai runner italiani, una distanza che si può fare abitualmente. Poi c’è la dieci chilometri, che è veramente un po’ alla portata di tutti, si tratta di correre un’ora o poco meno; i professionisti ci mettono 30 minuti. È aperta anche ai non agonisti, ai tesserati con la Federazione di atletica leggera e anche ai non tesserati quindi senza bisogno di certificati medici agonistici, tesseramenti federali e quant’altro. Come sempre è aperta alle famiglie, ai bambini, ai ragazzi a tutti coloro che hanno voglia di fare una bella passeggiata in giro per Verona con le strade chiuse in totale sicurezza per la domenica mattina.

Negli anni scorsi abbiamo avuto anche 4, 5 mila persone, è tutta in centro quindi è sicuramente una bella passeggiata che meritano di fare i veronesi o chi viene da fuori.

Ci sarà anche Archeo Running: un vero e proprio “evento nell’evento”

Archeo Running l’abbiamo fortemente voluta, proposta da una ragazza di Roma, Isabella Calidonna, che è una guida turistica in primis ma è anche una preparatrice atletica laureata in Scienze Motorie, col tesserino della Federazione di atletica leggera e del Coni. Un progetto di vita, arte e running che sposa la cultura e lo sport. Chi vuole, in sede di iscrizione della gara, può anche includere questo servizio e potrà così visitare nella giornata di sabato mattina, sabato pomeriggio e domenica pomeriggio, al di fuori della gara vera, può visitare Verona “al passo di corsa”, quindi in un’ora, un’ora e mezzo fare il giro del centro storico con Isabella Calidonna, che farà scoprire proprio i segreti culturali di Verona, la casa di Giulietta, l’Arena, Castelvecchio, piazza Erbe e così via.

Un modo nuovo per visitare Verona in veste inedita. Per quanto riguarda le iscrizioni, come procede?

Le iscrizioni sono aperte da qualche mese e saranno aperte fino agli ultimi giorni prima della gara, online fino al giovedì precedente. Il venerdì e sabato ci si potrà iscrivere presso l’Expo Village che sarà all’AGSM Forum quindi di fianco allo stadio Bentegodi. Sono migliaia già gli iscritti, sia in maratona che nella Cangrande Half Marathon e anche nella 10 Chilometri.  C’è tanta voglia di tornare a correre, dopo le edizioni purtroppo saltate a causa della pandemia.

LEGGI PANTHEON 126

Articolo precedenteIl mondo del volontariato è ancora “in cerca di umani”: riparte la campagna del CSV scaligero
Articolo successivoNuovi nati, domenica di festa al Bastione San Bernardino