Oltre i confini, oltre lo spazio, oltre la Luna. È fino a qui che vuole spingersi il primo Festival della Scienza di Verona, che si terrà dal 15 al 24 novembre a Palazzo Orti Manara. Un’iniziativa senza precedenti nella città scaligera, ideata da Caterina Lorenzetti, Francesca Tezza, Petra Grigoletti e Giulia Zanetti per porre al centro dell’attenzione la scienza e la tecnologia, le due chiavi di volta per il futuro. Si parte venerdì 15 novembre con un ospite d’eccezione, l’astronauta Umberto Guidoni, protagonista di due missioni Nasa a bordo dello Space Shuttle e primo astronauta europeo a visitare la Stazione Spaziale Internazionale.

Le organizzatrici del Festival

Sarà proprio Guidoni, durante la prima giornata del Festival, a dialogare con il pubblico a partire dalle 17 durante il vernissage della mostra La Luna. E poi? 50 anni dall’allunaggio: storie e prospettive dell’esplorazione spaziale, patrocinata dall’Agenzia Spaziale Italiana in collaborazione con la Nasa e Solar Sistem Exploration Research Virtual Institute. La kermesse, dedicata ai “curiosi” di tutte le età, propone per i giorni a seguire un programma ricco di eventi per scuole e famiglie: dalle conferenze insieme ad esperti del settore, ai workshop pratici per sapere come funziona una stampante 3D nello spazio, o, ancora, capire come si allenano gli astronauti per fluttuare in assenza di gravità. Andare alla scoperta della Luna e dello spazio potrebbe non essere mai stato così divertente.