Vi siete mai sentiti avvolti da una sensazione di preveggenza? Dal sentore di poter saper prima del tempo quale sarà il vostro futuro? Di solito quando accade non accade mai attraverso delle
parole, ma attraverso dei segni impercettibili del mondo. Non vi serve l’oroscopo questo mese, provate a stare in ascolto.

In matematica la definizione di catastrofe indica la distruzione di un sistema da parte di un altro sistema, la fine di un equilibrio che segna l’ingresso in un altro
equilibrio. Avete mai riflettuto sul fatto che quando pensate vi sia successo il peggio non è altro che il mondo che si sta riassestando? Nelle cadute della vita non c’è distruzione, ci sono solo nuove regole.

L’amore per voi è stato molto spesso una sofferenza, direi che però è quasi normale. I termini dell’amore sono quasi sempre associati al lessico bellico: “rapito”, “catturato”, “conquistato”, “cadere innamorato…” e via dicendo. Si
apre la stagione, però, in cui scoprirete
tutta la pace racchiusa nell’amore e nelle sue manifestazioni.

Crescere significa convivere con sempre più “l’avrei voluto” e sempre meno il “vorrei”, significa vedere chiudersi il ventaglio di strade e possibilità che la vita
mette davanti. Forse è questo che ci rende davvero tristi, quando ci trasformiamo in adulti. Eppure, io dico che non è mai troppo tardi per nulla, e che avete il resto della vostra vita per sconvolgere questa regola e riderle in faccia.

Quand’è stata l’ultima volta che avete imparato qualcosa di importante, di veramente importante, che ha cambiato la vostra percezione del mondo? Non avrete davvero abbandonato il vostro
processo educativo interiore con la fine degli studi, vero? Questo è il momento di tornare ad ascoltare la sete di conoscenza che troppo spesso non ascoltiamo.

Ad alcuni animali la natura impone di fuggire, ad altri di aggredire, altri animali ancora sanno dimostrare il loro estremo coraggio in situazioni di stress e pericolo.
Voi, come tutti gli uomini, e forse un po’ di più, siete episodici, irregolari, e per questo adatti a tutti gli stimoli che questa
giungla della vita sa darvi. Non sforzatevi di essere quello che non siete, siete tutto quanto.

Ad alcuni animali la natura impone di fuggire, ad altri di aggredire, altri animali ancora sanno dimostrare il loro estremo coraggio in situazioni di stress e pericolo.
Voi, come tutti gli uomini, e forse un po’ di più, siete episodici, irregolari, e per questo adatti a tutti gli stimoli che questa
giungla della vita sa darvi. Non forzatevi di essere quello che non siete, siete tutto quanto.

Immagino ci siano delle ricorrenze, delle gioie, delle conquiste, che mantenete nel segreto del cuore e non raccontate mai a nessuno. Questi segreti, queste gioie che vi cambiano le giornate e che rimbombano all’interno di voi senza trapelare mai all’esterno, sono ciò che vi rende vivi, la struttura più importante di voi. Provate a raccontarne almeno una, adesso!

Ora che è arrivata l’estate tutti si fermano e tutto si ferma, è il momento adatto per liberare l’arredamento della vostra mente
da tutte quelle cose inutili che si sono accumulate durante l’anno. Riorganizzate bene voi stessi e trovate pace nell’appendere post-it sul vostro frigo interiore. Ripartire a settembre sarà bello
come tornare a scuola.

Avete una vita fatta di disordine esistenziale, un disordine sano e fecondo. Ciclicamente, però, nella vostra mente inizia a farsi strada il bisogno di mettere ordine, di fare pulizia. Questo è uno di quei periodi, in cui le vostre intenzioni
stanno a metà tra questi due poli opposti. Trovare equilibrio e uscirne sereni sarà la vostra sfida dei prossimi mesi.

Ricordate da piccoli quante cose non riuscivate a mangiare? E ricordate il preciso momento in cui avete conquistato dei gusti di cui ora, magari, non potete più fare a meno? La vita è un continuo susseguirsi di conquiste delle quali
nemmeno ci accorgiamo. Sono sicuro che in queste settimane ne farete almeno una, importantissima. Purtroppo ve ne accorgerete tra molti anni.

Ogni volta che sentite di aver fallito, che non siete in grado di fare nulla al mondo e che in grado non lo sarete mai… ripensate a Cristoforo Colombo, che era intenzionato a raggiungere l’India.
Credo che il suo sia uno dei fallimenti più grandi della storia, eppure qualcosa è sorto, dal suo fallimento. Avete mai fatto peggio di Colombo?

banner-gif
Articolo precedenteA Sant’Anna tutto pronto per Motori in Piazza
Articolo successivoAutonomia, eppur si muove. Tavolo di governo il 19 luglio