Libro

La maestra è un Capitano!

Autore: Antonio Ferrara

Illustratrice: Anna Laura Cantone

Edizione 2014: Coccole Books Srl

Prezzo: 10 euro

Pagine: 53

Età di lettura: dai 7 anni in poi

Il libro: riporta gli appunti di una coraggiosa maestra che vuole bene ai suoi allievi. Lei, in prima persona, descrive in maniera davvero divertente, il rapporto con il marito e la figlia Sara (TV dipendenti?) e con la scuola, dove i ragazzini sono distratti, alcuni genitori maleducati e dirigenti burocrati, ma manca perfino la carta igienica. E i ragazzini ricevendo il rotolo la rassicurano «non preoccuparti maestra lo faremo durare». E i virus influenzali? Viaggiano veloci. «Ma io non rinuncio ad abbracciare i miei bambini, ci mancherebbe. Loro hanno sempre sete di ABBRACCI e io sono la loro FONTANA». Una maestra umana, certa che «CRESCERE è una festa, mica una punizione» e ogni mattina inizia con dieci minuti di lettura e gli alunni miracolosamente «tutti stanno sempre attenti!». Poi passa alle tabelline, scienze, storia e domande (divertentissime!), sciogliendosi quando pensa a Luca che dice la mia «maestra è il capitano della nave»…

L’autore: Antonio Ferrara – napoletano che vive a Novara con moglie, figlia e due gatti – ha diplomato in artisticaistici, un lavoro come grafico e in una comunità alloggio per minori, dove ha imparato a non prendersi troppo sul serio. Oggi è un affermato scrittore di libri per ragazzi, per i quali tiene anche laboratori di scrittura creativa nelle scuole, biblioteche e associazioni culturali. Con il libro Ero cattivo, ha vinto il premio Andersen 2012. Anche AnnaLaura Cantone, piemontese, classe 1977, laureatasi in illustrazione di libri per bambini, ha ricevuto numerosi riconoscimenti nazionali ed internazionali, compreso il Premio Andersen 2003. Le sue tavole anche in questo libro sprizzano ironia e voglia di far divertire il lettore.

Curiosità: Il racconto è uno spaccato di vita  di un’eroica maestra, innamorata del suo lavoro,che come molte altre donne è costretta a fare i salti mortali tra impegni professionali e vita privata, con pazienza senza perdere entusiasmo e rispetto verso gli interlocutori.. Il linguaggio è scorrevole, irriverente nelle note dolenti, però davvero godibile. I lettori simpatizzano  subito con questa maestra e gli alunni… Ottimo come regalo alle maestre.

Articolo precedenteRecensione libro: Lele Uffa. Una storia antinoia
Articolo successivoRecensione libro: Ely+Bea