Mai come quest’anno abbiamo bisogno di ridere e di celebrare una leggerezza consapevole e il Festival della Bellezza con il suo programma per l’anniversario dei 700 anni dalla morte di Dante ha fatto centro, proponendo un itinerario di spettacoli e riflessioni sulla sua poesia.

Arianna Porcelli Safonov
Arianna Porcelli Safonov

La cornice perfetta del Teatro Romano di Verona e la bravissima Arianna Porcelli Safonov hanno regalato anche se solo per poco ciò che il pubblico “andava cercando”. Che lavoro farebbe ora Dante e come affronterebbe i disagi emotivi della nostra società? Famosa per i suoi seguitissimi video sui canali social, la Porcelli Safonov ha omaggiato platea e gradinata con un monologo “Curarsi con la narcolessia” esilarante, estremamente realistico, pungente, in cui non sono mancate fragorose risate a testimonianza di quanta empatia si sia espressa nel pezzo.

Leggi Pantheon 125:

Articolo precedenteLa Valle delle Sfingi, un mondo di fiaba nelle terre alte
Articolo successivoRoberto Veronese è il nuovo presidente del CSV di Verona