In un periodo in cui l’arte e la cultura affrontano nuove sfide, nasce la voglia di immaginare e costruire qualcosa di nuovo. A Verona si incontrano due giovani realtà, Nice PlanetOsteria Futurista, che collaborano ad un nuovo progetto: Nice Talks Futurista, il format podcast e video che racconta la scena artistica veronese. Sette artisti di diverse discipline si raccontano in una prima stagione ricca di spunti e argomenti.                              

Nice Talks Futurista si sviluppa grazie alla voglia di conoscere l’arte e di dare la possibilità e lo spazio ai creativi di raccontare il proprio percorso. Le due realtà incontrano quindi gli ospiti all’interno del salottino di Osteria Futurista, e lasciano a Francesco di Nice Planet lo spazio per intervistare i diversi ospiti.

Il risultato è uno scambio di parole a microfono e cuore aperto, che vanno ad indagare la passione alla base del loro lavoro e che cercano un pubblico attento e curioso. Questo scambio di idee viene ripreso e poi pubblicato in due diversi formati disponibili su YouTube e sotto forma di podcast su Spotify

La prima stagione di Nice Talks Futurista ha visto come protagonisti artisti del territorio  veronese, più nello specifico abbiamo intervistato: 

  • Carterr: giovane rapper veronese che da poco ha pubblicato il suo primo album: Metànoia. Grazie all’etichetta Bricks Tower Records, ed Osteria Futurista, è riuscito a dare forma ad un intimo viaggio in rima.
  • La Ragazza dello Sputnik: cantautrice poliedrica e dalle mille sfaccettature, Valentina ha confezionato un primo lavoro degno di nota. Il suo Kiku, pubblicato da MuratoRecords, è un delicato e talvolta struggente soliloquio in riva al male. 
  • Veronica Marchi: con oltre vent’anni di carriera, Veronica ha visto crescere e cambiare la scena musicale veronese dal proprio interno. Dai primi lavori dal sapore punk con i Maryposh, alla più recente partecipazione a X-Factor, Veronica non ha mai abbandonato la sua più grande  passione: il canto. Nel 2016 ha fondato un’etichetta discografica tutta al femminile: Maieutica
  • Cru: polistrumentista del gruppo musicale C+C=Maxigross, ha voluto presentare il suo ultimo, nonché primo, lavoro da solista: Cruel. Registrato con un Tascam a quattro piste, Cruel ha il sapore di un malinconico momento fugace impresso su nastro.
  • Marta Mason: conosciuta principalmente per la prolifica carriera da calciatrice, Marta ha abbracciato da qualche anno il cantautorato. Grazie all’esperienza al talent Amici, Marta ha capito che la sua strada sarebbe stata la musica: una “scelta d’amore”, come spesso ama dire ad alta voce. Sotto l’etichetta Maieutica ha pubblicato, nel 2020, il suo primo EP: OGNI COSA CAMBIA.
  • Imad: giovane e talentuoso fotografo, Imad è un concentrato di pura energia. Cresciuto all’ombra delle montagne trentine, dopo una gioventù burrascosa, Imad capisce che vuole osservare, ed interpretare, il mondo da un obiettivo. Ad oggi ha collaborato con svariati artisti e prestigiose testate di moda, affermandosi come uno dei più interessanti talenti fotografici. 
  • Sonni: Alberto Sona è un dj, produttore, nonché uno dei fondatori di Rocket Radio. Nata inizialmente a Verona, Rocket arriva in pochi anni ad aprire altre due sedi: a Milano e Bologna. Attualmente è una delle più importanti web radio italiane, offrendo una svariata pletora di programmi: dagli ospiti internazionali, ai dj meno conosciuti, Rocket Radio è un punto di riferimento per ogni appassionato del buon sentire.

La prima puntata di Nice Talks Futurista

Osteria Futurista è un’idea di collaborazione che mira alla contaminazione artistica ed umana, un insieme di persone che mescolano visioni diverse per crearne di nuove. Produttori, autori, musicisti e creativi lavorano a stretto contatto, supportati da strutture professionali che permettono di concretizzare progetti che iniziano e si costruiscono nel confronto.

Nice Planet, d’altro canto, è un collettivo musicale che si pone l’obiettivo di creare un luogo accogliente, non importa se fisico o mentale: un posto ove ognuno può essere libero di esprimere sé stesso senza filtri né limiti. Prima di approdare negli studi di Osteria Futurista, Nice Talks nasce durante il primo periodo di lockdown, grazie alla noia della monotonia data dal periodo. Si voleva creare un salottino dove poter fare chiacchiere di qualsiasi genere; grazie all’apporto di Osteria, che da subito si è dimostrata più che volenterosa di collaborare, si è riusciti a dare corpo a questo sogno nato in cameretta.

LEGGI ANCHE Orchestra Machiavelli riparte con “E quindi uscimmo a riveder le stelle”