bam bam teatro Tocatì
Bam! Bam! Teatro in scena

Arriva settembre e, almeno per questo, sarà un po’ come ce lo ricordavamo: gli ultimi giorni d’estate e una città più allegra e rumorosa del solito. L’effetto Tocatì non ci abbandona nemmeno quest’anno: di giorno piazze e strade ritorneranno a rianimarsi con i giochi di una volta ma in piena sicurezza, la sera tutti col naso all’insù per gli spettacoli collaterali che ogni anno arricchiscono il programma del festival.

Anche per questa imminente ed eroica edizione infatti, non mancherà la consueta rassegna cinematografica curata da Diplomart e Bridge Film Festival: dopo sei anni di appassionata collaborazione, sarà il cinema fatto con cura ad animare le nostre ultime sere d’estate in Cortile Mercato Vecchio.

Ritorna anche il teatro

Tre gli appuntamenti a cura di Bam! Bam! Teatro, previsti per venerdì 18 e sabato 19 settembre a partire dalle ore 21.15, con una replica domenica 20 settembre alle ore 17.00. Dopo la prima messa in scena del 2014, ritorna a distanza di anni La guerra dei bottoni, e sarà «un vero segno di rinascita», come ci confida il regista Lorenzo Bassotto.

«Ospitati questa volta nel giardino del Museo di Castelvecchio, proporremo il riadattamento dell’omonimo romanzo di Louis Pergaud che mette in scena il terribile gioco della guerra. Con qualche fragorosa risata ci ritroveremo anche noi a partecipare a questo gioco, e a esorcizzare le nostre paure, allontanando così i demoni della guerra vera».

E pure i burattini

Sarà ancora il cortile del Museo di Castelvecchio a trasformarsi per qualche ora in regni da favola, con le storie narrate da Favolavà. «Quest’anno i nostri immancabili laboratori di burattini non saranno possibili, ma abbiamo voluto esserci comunque, con tutte le nostre forze», così presenta l’iniziativa Marco Scacchetti. «Abbiamo quindi pensato a dei brevi spettacoli, dei momenti per ricominciare insieme».

Nel cortile di Castelvecchio, sabato 19 alle ore 11.00 Raperonzolo sarà la prima delle fiabe in valigia a uscire allo scoperto, seguita da Pulcinella e la frittata rubata alle ore 16.00. Per domenica 20 settembre alle ore 11.00 attendiamo Fratellino e sorellina, storia tratta dalla fiaba dei fratelli Grimm, e ancora Pulcinella e la frittata rubata alle ore 16.00.

Un volto che si esprime con parole lontane, quel teatro fatto bene che ci fa ridere e pensare, e pure qualche irriverente burattino: è anche questa la sostanza del Tocatì. Sta per iniziare lo spettacolo: adesso manchiamo solo noi!

Leggi anche: Tocatì 2020, che Festival sarà

Sfoglia Pantheon 113 – Speciale Tocatì

Articolo precedenteIl gioco della morra spiegato
Articolo successivoUn paese ci vuole. Le piazze dei borghi e i loro giochi