“Una coordinata emotiva”. Così lo scrittore veneto definisce quel pezzo di vita che si compone di nipotini, di passi incerti e di conquiste minime. Insomma quella nonnitudine che è pure il titolo del suo libro.