Francesca Gaspari
Francesca Gaspari nominata Ambassador della FMI

Non smettere mai di sognare. Una frase che per tutte le motocicliste e i motociclisti, ha un significato profondo perché raggiungere un traguardo sportivo, una meta turistica o un obiettivo personale rappresenta la ragione della nostra passione. Valori che la FMI promuove quotidianamente e che Francesca Gasperi esprime al meglio. La motociclista veneta – “mamma, fotografa, videomaker, giornalista freelance”, come ama definirsi – diventa Ambassador della Commissione Femminile FMI e grazie al suo progetto “Never Stop Dreaming” ha realizzato il suo più grande sogno: qualificarsi alla Dakar 2022.

Come è nata la passione per le moto?

Da sempre appassionata di moto, Francesca Gasperi, pur non essendo una pilota di professione è riuscita ad entrare nella top ten della sua categoria nella competizione “l’Andalucia Rally. Il suo primo approccio con le moto è iniziato da passeggera sulle moto stradali. Poi il desiderio di guidarle l’ha portata in pista e quindi, ad addentrarsi nel grande mondo del motociclismo, che successivamente le ha consentito di diventare collaudatrice. Il passaggio è avvenuto nel 2008 con la partecipazione alla manifestazione “Desert Logic”, che ha avuto luogo in Tunisia. Da quel momento Francesca Gasperi ha fatto diventare la propria passione un vero sogno. La determinazione e la volontà di raggiungere risultai eccelsi, rendono la motociclista un’immagine ideale per la Commissione Femminile FMI.

L’intervento di Francesca Gasperi a Buongiorno Verona Live

Francesca Gasperi verrà presentata ufficialmente come Ambassador a Verona, sua città natale. L’appuntamento si terrà venerdì 18 giugno alle 16 presso il palco principale di Motor Bike Expo, momento in cui indosserà il logo della Federazione Motociclistica Italiana. Inoltre la sua moto sarà collocata presso lo stand FMI per tutta la durata del Salone veneto.

Leggi anche: La cura delle due ruote

La soddisfazione di Francesca Gasperi

«L’invito della Federazione ad essere la nuova Ambassador della Commissione Femminile mi riempie di gioia – racconta Francesca Gasperi- Non si tratta solo di un riconoscimento, ma mi dà una carica di energia che intendo spendere guardando al futuro della Dakar. La mia esperienza insegna che è importante comprendere ciò per cui siamo nati, credere in sé stessi e lavorare duro per i propri obiettivi. Spero che questa avventura possa trascinare con sé moltissime persone (non solo donne), incoraggiandole a non smettere mai di credere nei propri sogni».

La riconoscenza del Presidente FMI

Giovanni Copioli, Presidente FMI: «Essere motociclista significa avere una grande passione, renderla parte della propria vita e condividerla. Se poi si hanno dei sogni, l’entusiasmo diventa determinazione portando risultati di indiscusso valore per sé stessi e per gli altri. Francesca Gasperi rappresenta al meglio questa filosofia ed è per questo che abbiamo voluto accoglierla nella famiglia della Federazione Motociclistica Italiana, una famiglia dove si ritrovano i sani valori dello sport e del motociclismo. Girerà il mondo esponendo il logo della FMI come Ambasciatrice della Commissione Femminile e rappresentando tutte le motocicliste, siano esse pilote o appassionate. La Dakar 2022 è ancora lontana ma la preparazione è già cominciata quindi non posso che rivolgerle il più sentito plauso di incoraggiamento».

L’orgoglio della Coordinatrice di FMI

Monica Goi, Coordinatrice Commissione Femminile FMI: «Siamo entusiasti di avere con noi
Francesca Gasperi. Il suo progetto “Never Stop Dreaming” è una iniziativa lodevole, ma anche un
messaggio in cui crediamo fortemente
, uno stile di vita che ognuno di noi può fare proprio.
Francesca rappresenta gli ideali della Commissione Femminile, primo tra tutti quello
dell’inclusione del mondo femminile nelle attività federali, con la sua passione e determinazione.
Il motociclismo femminile è in continua crescita e le iniziative della Commissione Femminile sono
numerose
, è quindi importante avere una rappresentante che possa divulgarle sia a livello
agonistico che tra le appassionate».

Articolo precedenteVivere la storia? Al Forte Lugagnano si può
Articolo successivoIl regista dai cento premi: Luca Caserta, Verona e la cinepresa