In questi giorni a Giazza l’antica tradizione della produzione di carbone continua, anche se a porte chiuse. Ne parliamo con il carbonaio Giorgio Boschi.

Articolo precedenteA casa degli altri: Federica, la mamma-maestra dai pensieri luminosi
Articolo successivoAmata cultura, che ne sarà di te?
Caporedattrice