Michele Fontana: Girolamo Frescobaldi secondo me

Il pianista Michele Fontana racconta ai nostri microfoni del suo progetto ambizioso e unico al mondo: la prima registrazione integrale delle opere per tastiera del compositore del ‘500 Girolamo Frescobaldi, realizzate con pianoforte accordato con il sistema mesotonico.

Qual è il tuo background musicale?

Io ho iniziato molto presto gli studi musicali, a 9 anni, e poi l’amore per la musica mi ha portato successivamente a compiere gli studi al conservatorio di Verona, dove mi sono diplomato in pianoforte e organo. Successivamente ho conseguito anche il biennio specialistico in pianoforte al conservatorio di Mantova.

Stai intraprendendo un progetto molto particolare su Girolamo Frescobaldi, un compositore e musicista di Ferrara del ‘500. Di cosa si tratta?

Si tratta della prima registrazione integrale delle opere per tastiera Di Girolamo Frescobaldi eseguita per la prima volta su un pianoforte accordato con il sistema mesotonico, un tipo di accordatura che si usava nel ‘600 e si usa tutt’ora ma soltanto negli strumenti antichi. Il mio amore per Frescobaldi è nato subito, dalla prima volta in cui l’ho iniziato a studiare al conservatorio di Verona mentre studiavo organo. Nel repertorio clavicembalistico di un organista è una figura molto importante.

Che cos’è l’accordatura mesotonica?

Al tempo di Frescobaldi la distanza delle note nella scala musicale non era tutta uguale. Questo permetteva di avere delle scale, chiamate “modi”, che suonavano diversamente una dall’altra. Ognuno di questi modi era adatto ad esprimere un particolare sentimento, a loro volta chiamati “affetti”. Con il sistema moderno di accordatura tutte le note tutti i tasti sono alla stessa distanza, quindi questo aspetto della differenza tra i vari modi si è perso, perdendo così anche il relativo aspetto degli affetti. Ho quindi voluto riproporlo per non perdere l’idea originale.

Un esperimento unico al mondo, e una grande soddisfazione per te, immagino.

Sì, è stato il coronamento di un sogno. Da quando ho iniziato a studiarlo, da giovane, ho sempre desiderato approfondire la figura di Frescobaldi, quindi sono davvero contento di questo progetto.

Articolo precedenteAndrea Marano, «A Verona si rinvigorisce la scena musicale»
Articolo successivoRotary Verona Nord, Inama: «Essere alfieri di solidarietà è un privilegio»