Roberto Veronese
Il neopresidente di CSV Roberto Veronese

Nello spirito del lavoro di squadra e della condivisone dei compiti, si rinnovano le cariche al vertice del Consiglio Direttivo del Centro di Servizio per il Volontariato di Verona. A seguito dei nuovi impegni assunti dall’ex presidente Chiara Tommasini, che da Verona passa alla presidenza dell’associazione nazionale che associa e rappresenta i Centri di Servizio d’Italia, CSVnet, al CSV di Verona si riorganizzano le cariche. Alla presidenza del CSV arriva Roberto Veronese che porta la sua esperienza di coordinamento di reti di volontariato dal territorio di Legnago e che per il direttivo CSV serve il suo secondo mandato, avendo ricoperto in passato il ruolo di tesoriere. La vicepresidenza è andata invece a una voce femminile, Maria Chiara Tezza, attiva da anni sui temi della disabilità. Alla tesoreria Enrico Olioso, impegnato da molto tempo nel volontariato educativo e di marginalità.

Leggi anche: CSV Verona guarda agli obiettivi 2030 dell’agenda ONU

«Chiara è stata la forza e il volano del volontariato veronese per tanti anni, sempre attenta e presente. Siamo sicuri che saprà portare la sua dedizione e sensibilità sui tavoli nazionali e saremo felici di ritrovarla in questo ruolo», dichiara compatto tutto il Consiglio Direttivo, esprimendo un sentito ringraziamento alla presidente uscente.

Il neo presidente Roberto Veronese, classe ’71, di professione progettista elettronico, affronta la sfida della presidenza con la consapevolezza di avere una squadra di consiglieri attivi e uno staff motivato con cui condividere le responsabilità sulle tante partite che il CSV si troverà a giocare, tra tutte: la ripartenza post-epidemia del volontariato, la capacità di ascolto delle associazioni assieme all’attenzione alle evoluzioni del volontariato negli anni a venire. E ancora, non ultimo, il dialogo con le pubbliche amministrazioni e il privato.

«Un ente del Terzo settore complesso e con una variegata piattaforma di attività, progetti e servizi come il CSV di Verona richiede una governance diffusa, in cui si giochi il miglior spirito di squadra, che contraddistingue il volontariato che ha permeato la mia vita. Credo che tutti assieme potremo fare bene», spiega Veronese.

I consiglieri

  • Maurizio Corazza
  • Maurizio Mazzi
  • Stefano Micheletti
  • Ennio Tomelleri
  • Giampaolo Zampieri
  • Germano Silvestri, il nuovo consigliere che ha preso il posto nel direttivo lasciato libero da Tommasini.
Roberto Veronese e Chiara Tommasini
Roberto Veronese e Chiara Tommasini
Articolo precedenteArianna Porcelli Safonov riflette sull’emotività dei nostri giorni al Teatro Romano
Articolo successivo“Le vie del Baldo e della Lessinia”, 30 video per raccontare il rilancio