sara-fortini-cantante (6)

Si intitola “Amo Solo Chi Mi Ascolta” ed è l’ultima fatica della cantante veronese Sara Fortini. Un primo passo verso quelli che saranno mesi ricchi di novità per l’autrice che è pronta con altri singoli e un album, tutto in collaborazione con Maieutica Dischi. A parlarcene è stata la stessa Sara, intervenuta durante la trasmissione “Protagonisti”.

«Io ho iniziato l’attività live da adolescente: quando avevo 15 o 16 anni già cominciavo ad avere dei progetti musicali, a cantare. – ci racconta Sara – È sempre stata la mia passione. Inizialmente non l’avrei mai vista come una professione, però col tempo questa cosa si è palesata, si è rivelata possibile e devo dire che arrivo oggi a quasi 32 anni a fare ancora questo e quindi sì, posso definirla la mia professione, che poi ha preso diversi risvolti perché sono insegnante di canto, scrivo canzoni per me e per altre persone».

Sul contenuto del singolo e del disco: «“Amo Solo Chi Mi Ascolta” è un singolo che anticipa l’uscita di altri tre singoli che arriveranno a distanza di circa un mese l’uno dall’altro per poi andare verso l’uscita del disco vero e proprio, che sarà nel 2023 con Maieutica Dischi, che ho un’etichetta con cui ho creato una collaborazione, una forte sinergia al femminile, molto bella, molto importante per me. È un brano abbastanza ironico ed è un po’ il biglietto da visita di quello che sarà poi il progetto discografico che arriverà. È tutto molto ironico, ma allo stesso tempo è un’ironia velata di verità, perché il brano in sé per sé parla del mio rapporto con il music business e di quanto alle volte, nel fare questo lavoro, ci si pongano degli obiettivi, ma non è sempre detto che ci si arrivi e allora davanti a dei “no” hai due strade: arrendersi o proseguire. Non è sempre facile, però lavorando con le persone giuste, che ti ascoltano veramente, diventa tutto un pochino più facile».

Guarda l’intervista completa:

banner-gif
Articolo precedenteIl Ristorante Famiglia Rana conquista la sua prima stella Michelin
Articolo successivoL’enoturismo dai mille volti ha tralci solidi