Sul palco la violinista Louise Antonello, il pianista Julien Antonello, i ballerini e coreografi Veronica Boniotti e Giuseppe Claudio Insalaco, in uno spettacolo con danza e musica dal vivo che racconta senza parole le vite e le relazioni di Robert e Clara Schumann e Johannes Brahms.

Per raccontare questi tre grandi protagonisti della musica classica non si è scelto un approccio storico, ma un’indagine del vissuto intimo, personale e di relazione.

Il giovane pianista e compositore tedesco Robert Schumann conosce Clara Wieck, figlia del suo insegante di pianoforte e anch’ella eccezionale pianista, quando lui ha 20 anni e lei nove di meno. L’amore tra i due fiorisce più tardi e viene a lungo ostacolato dal padre di lei che intuisce già lo squilibrio mentale del giovane; i due convolano infine a nozze nel 1840. 

Hanno due personalità contrastanti: Robert è incosciente, esuberante, un rivoluzionario dal punto di vista musicale; Clara è più metodica, a tratti stacanovista. Hanno in comune una determinazione non comune e la passione totalizzante per la musica. Nel mezzo: 8 figli in 14 anni, una casa dalle pareti troppo sottili per far esercitare entrambi e gli esaurimenti nervosi di Robert.

Clara, figura straordinaria e emblema estremamente contemporaneo di donna scissa tra volontà di proseguire la sua carriera musicale e quella di dedicarsi alla famiglia e soprattutto a Robert, arrivando a dubitare del suo stesso talento pur di far spazio al marito. “Una donna non dovrebbe desiderare di comporre, mai una è stata capace di farlo, dovrei essere io quell’una? Sarebbe arrogante crederlo. -scrisse – Che sia Robert a creare, sempre! Questo deve rendermi sempre felice”. 

Altro tema centrale dello spettacolo è il binomio assenza-presenza: presenza di Clara per Robert e viceversa, assenza di Clara nei confronti dei figli. E poi assenza di Robert e presenza costante di Brahms che conosce i coniugi quando Robert era ormai molto malato e dopo la sua morte rimase legato a Clara da un’amicizia – forse amore?- indissolubile durata più di quarant’anni.

Programma del concerto

Louise Antonello, violino

Julien Antonello, pianoforte

Veronica Boniotti e Giuseppe Claudio Insalaco, interpretazione e coreografie

  • C. W. Schumann, Tre Romanze per violino e pianoforte, op. 22
  • R. Schumann, Sonata per violino e pianoforte in La minore, n.1, op. 105
  • J. Brahms, Scherzo per la sonata F.A.E.

Gli artisti

Louise Antonello

Diplomata in violino al Conservatorio A. Pedrollo di Vicenza, si specializza con il Biennio al Conservatorio A. Steffani di Castel Franco Veneto. È il primo violino dell’Orchestra Machiavelli.

Joulien Antonello

Diplomato in pianoforte al Conservatorio A. Pedrollo di Vicenza con il maestro Scafati, suona prevalentemente in formazioni da camera. 

Seesaw Project

Seesaw Project è una compagnia di danza contemporanea e teatro fisico. Il cuore è composto da sette professionisti con background diversi e si espande modificando il suo ritmo a seconda del progetto. Ha sede presso Seesaw House, a Riva del Garda (TN).

Veronica Boniotti – ballerina

Terapista, danzatrice e coreografa. Borsa di Studio Alvin Ailey; Broadway Dance Studio; Steps Dance School (NY). Laureata in filosofia alla Sapienza e diplomata al D.A.F Dance Arts Faculty (Roma). Studia all’Università La Sorbonne e al Centre du Marais (Parigi). Laureata all’Università di Bristol in Filosofia e Scienze Cognitive e in Psicologia. Studia alla Hamilton House e alla Tobacco Factory (Bristol). Studia con Monteverde; A. Whitley; Zappalà; Michela Lucenti; e Ohad Naharin. Ballerina per C. Felicioni; M. Morau La Veronal al Festival Oriente Occidente (Rovereto); Skandalisi Dance Company FIDCDMX Festival (Messico); R. Ferrara EdEnsamble. Fonda SEESAW DANCE COMPANY che nel 2020 diventa SEESAW PROJECT.

Giuseppe Claudio Insalaco – ballerino

Studia all’Opus Ballet (Firenze) e al Teatro Studio (Scandicci). Laureato al DAMS Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo. Studia con Eugenio Barba; Vincent Riotta; Stefania De Santis; Massimiliano Civica; Massimo Di Michele; David Zambrano; Shen Wei; Marta Ciappina; Giovanni Di Cicco. 

Lavora come attore e danzatore. Tra le numerose collaborazioni si annoverano quelle con Graham Vick; Luciano Melchionna; Giancarlo Sepe; Paolo Sorrentino; Davide Livermore; G. Cauteruccio; Michela Lucenti (Balletto Civile), Giorgio Gallione, Loredana Parrella (Cie-Twain Physical Theatre), Hayley Matthews (Ensamble Dance Company – Londra).

Per maggiori informazioni visitare il sito di Fucina Machiavelli.

Articolo precedenteL’Ospedale di Santa Giuliana a Fieracavalli con il progetto “Art&Cavallo Lab”
Articolo successivoI “poliziotti pelosi” Pico e Axel in visita alla scuola materna Aporti