leonardo maria frattini
Immagine concessa da Sky

È un romantico di altri tempi il veronese Leonardo Maria Frattini, approdato a Italia’s Got Talent durante la prima puntata di audizioni andata in onda lunedì 19 gennaio.

Frattini, che si definisce uno “swingautore” e che dell’ironia ha fatto il suo cavallo di battaglia, ha dedicato una canzone alla (temibile) Mara Maionchi, dal titolo “Mara”. Una vera e propria dichiarazione d’amore a suon di chitarra che, tra l’imbarazzo e le risate, è riuscita a scucire i fatidici quattro sì: «ho ancora l’adrenalina e non dormo dalla messa in onda» ha detto ai microfoni di Radio Adige Tv.

Come è arrivato Italia’s Got Talent?

«È uno dei talent che guardavo di più perché è abbastanza improntato alla leggerezza. Ci sono esibizioni non solo musicali, ma anche di artisti improbabili: è a metà tra la “corrida” e le cose serie, impegnate. Questo mix è divertente e quindi io, non essendo puramente un cantante, puramente un musicista e puramente un comico, ma un misto delle tre cose ho pensato che potesse essere un palco per me. Ho avuto questa idea di cercare di coinvolgere in qualche modo la giuria ed è stata accettata…

Tutti si aspettavano un nome, mentre cantava, e poi ha detto “Mara”…

Sì infatti la regia ha giocato bene perché ha inquadrato Federica, Ludovica e poi alla fine, in realtà, la serenata era per Mara. Vorrei poi sottolineare il momento in cui ho fatto le scale perché non è stato facile: con le gambe che tremavano, poco visibili dalla mia parte perché il palco era tutto nero, poi non potevi guardare proprio per terra finché eri in onda!

Elio, dopo la performance, le ha detto che ha talento e che c’è stato del lavoro dietro la canzone, mentre lei ha replicato che è uscita di getto…

Avremmo potuto iniziare a dibattere sulla cosa: la canzone è venuta veramente di getto ed è venuta veramente fluida. Se pensi, invece, al repertorio di Elio e le Storie Tese è molto articolato. Dipende dallo stile che uno ha. A me le cose migliori sono sempre venute di getto, in modo spontaneo.

Leonardo, ma Mara il numero di telefono, gliel’ha dato?

(scuote la testa, ndr). Esistono i famosi gradi di separazione: sono a due e so che stanno lavorando.

banner-gif
Articolo precedenteGiulia Bettagno: quando il vino sa di casa
Articolo successivoBorgo Roma, presentato il progetto “La Fabbrica del Quartiere”