Il prossimo numero di Pantheon sarà in edicola e nei consueti punti di distribuzione a partire da giovedì. Un numero interessante, con uno sguardo tutto particolare alla nostra montagna: la Lessinia. Della quale non ci occupavamo approfonditamente da qualche numero.

Il primo piano sarà infatti dedicato ai progetti futuri per il rilancio della Lessinia, sia dal punto paesaggistico, a partire dalla possibile iscrizione ai siti dell’Unesco, sia da quello agricolo-produttivo, attività chiave della montagna veronese. Grazie all’intervista ad Alberto Scardoni, mediatore tra agricoltori e Comunità europea per la domande di contributi, e responsabile dei corsi di formazione per agricoltori, abbiamo scoperto una realtà agricola in trasformazione, pronta a puntare sempre di più sui giovani. Un’interessante illustrazione di una montagna che piace e che produce, con tutti i programmi per emergere dalle difficoltà, in vista di un 2012 rivolto al rilancio.

Rimanendo legati all’economia, tema di primaria importanza nel panorama italiano, abbiamo poi illustrato i dati relativi alle imprese artigiane della nostra regione. Un settore che, all’inizio del nuovo anno, resiste e non demorde, anche a fronte della grave crisi che attanaglia il nostro Paese. Vi proponiamo inoltre un piccolo focus sui principali sistemi online, mai come oggi utilizzati per la ricerca di lavoro.

Abbiamo poi deciso di sottoporre all’attenzione dei lettori anche un problema che riguarda principalmente i giovani: quello delle dipendenze digitali. Argomento di attualità, che, soprattutto a seguito dell’incredibile successo dei social network, preoccupa in particolar modo i genitori. Abbiamo così partecipato a un’interessante conferenza sul tema e vi proporremo dati, opinioni e consigli di un gruppo di esperti e psicologi.

Spazio speciale quello riservato alla riapertura del Teatro Ristori, uno dei luoghi storici di Verona, tornato a risplendere dopo trent’anni di chiusura e abbandono. Un articolo riservato alla ristrutturazione di un nuovo luogo di spettacolo e cultura, ma soprattutto di incontro per la città di Verona.

Per ricordare un grande protagonista del giornalismo italiano recentemente scomparso, Pantheon vi regala in esclusiva l’intimo ritratto di Giorgio Bocca, intervistato nell’aprile del 2010 da due giovani valpantenati.

Grazie alla ricerca approfondita del maestro Adelino Girlanda, abbiamo poi portato nuovamente in primo piano la discussione sulle scuole con pluriclassi. Una ricerca senza precedenti in Veneto, che illustra il valore e l’enorme risorsa di queste realtà.

Ma lo sguardo di Pantheon guarda anche lontano, per cercare di comprendere realtà diverse dalla nostra. In questo caso, le protagoniste sono le donne della Guinea Bissau, in un reportage curato da Francesca Mauli, al termine di un breve viaggio in uno dei paesi più poveri dell’Africa. Articolo approfondito da un video in allegato (<link=’http://www.youtube.com/watch?v=D-pS2TwFrbs’ class=’_blank’><underline>link</underline></link>), per offrirvi non solo parole ma anche tante toccanti immagini.

Non potevano inoltre mancare notizie curiose e novità direttamente dalla nostra Lessinia, come la casa di paglia immersa nel verde della Val d’Illasi. Oppure la divertente e affascinante storia della capretta lessinica dalle straordinarie qualità. E ancora, l’incredibile esperienza alla Tom Hanks in “The Terminal” di una nostra collaboratrice, bloccata per giorni nell’aeroporto di Dublino e i consigli del dentista per rispettare il nostro palato dopo le tante leccornie che abbiamo gustato durante le festività.

Come sempre troverete su Internet le soluzioni a “Pantheon English” del numero precedente (<link=’http://null’ class=’_blank’><link=’http://www.giornalepantheon.it/download/Solutions_26.pdf’ class=’_blank’><underline>link diretto</underline></link></link>), e in questo numero vi proporremo una divertente ed esclusiva novità: un nuovo gioco per imparare un po’ di inglese in allegria.

Eventi e brevi notizie da Valpantena e Lessinia, concluderanno Pantheon 27, che torna, solo per quest’occasione, bimestrale. Un numero che analizza e illustra non solo le problematiche della nostra Lessinia, ma anche della volontà di questo territorio e dei suoi cittadini di rinnovarsi e di risvegliarsi. Un numero che guarda anche a realtà lontane e a piacevoli eventi della città veronese, come una sorta di augurio di positività e miglioramento per questo 2012 appena iniziato.

Jessica Ballarin

banner-gif
Articolo precedenteNeve e ghiaccio: alternative alle catene
Articolo successivoLa prima ricerca sulle pluriclassi del Veneto