E fu la volta anche dell’estate 2011.
Dopo il numero di giugno, che ha aperto la stagione del sole, è ora il momento di stringere tra le mani la prima pubblicazione estiva di Pantheon, che come da tradizione, si tuffa a piè pari nelle bellezze della Valpantena e della Lessinia d’estate.
Sono infatti molti gli spunti di promozione e scoperta del territorio che troverete sul numero 22 di Pantheon, ma non solo.

Prima novità “La Burla”, che dopo un anno a firma di Scottecs Comics, debutta questo mese con la firma di Tiozzo. Un’irriverente famigliola ci terrà compagnia per i numeri estivi e poi, chissà…

Ma il vero fulcro del giornale è, come al solito, il primo piano. Questa volta Pantheon è andato a fondo di un tema molto moderno che fonda le sue radici nel nostro passato industriale. Si tratta dell’archeologia industriale, una disciplina che studia come recuperare le vecchie fabbriche per trasformarle in nuovi spazi condivisi sia pubblici che privati, sia di condivisione che residenziali. Grazie all’esperienza di Erika Bossum, dottoranda presso l’Università di Verona, che ha girato mezzo mondo per studiare questo nuovo fenomeno architettonico. Sulla base di quanto analizzato, abbiamo poi discusso il caso dell’Italcementi di Tregnago, un complesso di oltre 60mila metri quadrati che sta venendo riqualificato proprio secondo queste teorie, e siamo poi entrati nell’ex caseificio Plav di Cerro (<link=’http://youtu.be/xIjZZH1RPFk’ class=’_blank’><italic><underline>video</underline></italic></link>), scoprendo che anche la struttura fatiscente in Lessinia presenta caratteristiche atte al riuso industriale.

Prosegue poi il viaggio tra storia e leggenda per i 150 anni d’Italia. Giovanna Tondini ha raccontato questa volta un aneddoto strano quanto bizzarro e la caparbietà del sindaco di Grezzana, che seppe riportare le cose a posto anche a fronte di una situazione molto complessa.

Spazio quindi alle Falie di Velo. Marta Bicego ha intervistato per noi Alessandro Anderloni, in un percorso che oltre ad approfondire VeloFestival 2011 e Voci e Luci in Lessinia, che sono partite in questi giorni, ha anche ripercorso la storia romantica e inizialmente scanzonata delle stesse Falie, divenute ora anche oggetto di tesi di laurea. Un esempio di eccellenza del nostro territorio.

E poi ancora il secondo capitolo dell’analisi dei parchi giochi (questa volta siamo stati in bassa Valpantena), quindi abbiamo proposto quattro percorsi per godere dell’estate in Valpantena e Lessinia da veri turisti.

Il numero scorre via veloce attraverso le rubriche Vita di Montagna (Debora Rollo ci racconta la vita e gli aneddoti di Don Benedetti di Sant’Anna d’Alfaedo) e Mondo Giovani (Francesca Mauli è volata per noi in Australia.

Non manca lo spazio salute, sempre a firma di Giorgia Castagna, in cui abbiamo fatto il punto sulla salute della nostra pelle, alle porte di un’estate che si annuncia calda e quindi potenzialmente dannosa per le esposizioni indiscriminate.

Sport con Michela Ledri, azzurra nella nazionale di calcio, e arte con Stefano Faravelli, artista poliedrico torinese che ha scelto Villa Vendri per presentare il suo ultimo, affascinante lavoro, i taccuini di viaggio.

Ma non è tutto qui.
Da domani Pantheon sarà in distribuzione nei consueti punti, e possiamo assicurarvi che anche questa volta andrà a ruba.

Una buona estate a tutti.

Matteo Bellamoli

banner-gif
Articolo precedenteVia Clocego rimessa in sesto oltre 100 tiranti lungo il muro
Articolo successivoLa musica rinascimentale dei Cantimbanco alla Pesciara di Bolca