STORIA BREVE di un simbolo diventato icona.

 Ideato dall’illustratore Gianni Burato, è un bambino ispirato ad un bassorilievo di epoca medievale. Un simbolo che ogni anno viene tradotto in diversi formati e supporti, ovunque disseminati durante i giorni della manifestazione. «Sono stati tantissimi i furti! In alcuni casi ce lo rubavano, lo fotografavano e lo mettevano in rete quasi come sfida o caccia al tesoro» raccontano le voci di AGA. (Foto Alessandro Z.)

Foto Alessandro Z.

L’ANIMA (LUDICA) DELLA BRETAGNA, il Paese Ospite 2019.

Ospite d’onore della diciassettesima edizione di Tocatì sarà la Bretagna, regione all’estremo nord-ovest della Francia. A Verona porterà il ricchissimo patrimonio di giochi, suoni e danze tradizionali per far conoscere un territorio che è combinazione di usanze marinare, artigiani del legno e grandi spazi verdi.

 LE INTERVISTE DI RIFLESSIONI, Alessandro Costacurta e i suoi amici.

L’ex giocatore del Milan sarà uno dei tanti protagonisti del cartellone culturale del Festival. Billy, appese le scarpe al chiodo, si è dedicato alla conduzione televisiva. Ora diventa anche autore grazie al libro pubblicato lo scorso maggio, che presenterà a Verona, proprio in occasione del Tocatì.

   IL TOTAXI PROVATO (e amato)

ToTaxi, ToCasa, ToBottega, ovvero i percorsi esperienziali (gratuiti e del tutto confidenziali) che il Tocatì promuove nei giorni del Festival come meraviglie collaterali. Un viaggio tra le vie nascoste della città, accompagnati dalla voce appassionata di un tassista di grande esperienza è quello che abbiamo provato in anteprima grazia a Mirco Grigolato di Radio Taxi Verona.

 IL TOBOTTEGA E IL FILO DI MARIA.

 Sartoria, ceramica, legatoria storica e via così: il ToBottega è un itinerario nella passione altrui, nel metodo adottato per sostanziarla. Perché dietro ogni storia artigiana c’è la fatica di aderire, nonostante tutto, all’amore originario. Quello che per Maria dell’Atelier Mancon è, e rimane, la maglia, «l’intreccio di fili che esiste da sempre». 

 CI SAREMO ANCHE NOI con la redazione di Pantheon e quella di Radio Adige.

Durante i giorni del Festival ci sarà anche il nostro Gruppo Editoriale Verona Network: troverete il corner di Pantheon con la sua redazione multimediale in Cortile Mercato Vecchio. Radio Adige e la sua musica inconfondibile invece allieterà Piazza Bra, con interviste in radiovisione. Passate a salutarci che vi aspettiamo!