Non possiamo evitare di pensare che si tratti di una delle feste più radicate nella cultura lessinese. La Festa del Monte Veronese Dop. apre i battenti questa domenica, 29 maggio, ad Erbezzo per la sua 21^ edizione.

Saranno ben nove i produttori che esporranno il formaggio "Monte Veronese" nelle varie stagionature all’interno delle caratteristiche casette di legno.

Sarà un’occasione imperdibile per conoscere ed acquistare il formaggio a denominazione d’origine protetta dal 1993, più famoso della Lessinia.

Il programma della festa si arricchisce quest’anno di qualche novità: attività ludico-didattiche per adulti e bambini, che consentiranno ai partecipanti di realizzare con le proprie mani un formaggio a partire da latte bovino fresco, seguendo le indicazioni di un maestro casaro. Si aggiungono poi degustazioni guidate. Sarà inoltre allestito il "Ristorante del Monte Veronese" (dalle ore 11 alle 16) dove si potranno degustare varie proposte gastronomiche a base di formaggio in abbinamento con i vini del territorio. Il menù è goloso: tortellini ripieni di Monte Veronese, risotto al tastasàl con Monte Veronese, gnocchi sbatùi con burro fuso di montagna e Monte Veronese. Come secondo si punta sullo scamone ai ferri con scaglie di Monte Veronese. Poi, spiedini di frutta e formaggio e il tradizionale piatto delle varie stagionature di Monte Veronese accompagnato con le mostarde. Non dimenticando il gelato al formaggio proposto dalla Gelateria Mattielli di Soave.

Il clou della manifestazione resta in ogni caso la sfilata in costume tradizionale, con il corteo dei Consiglieri dell’Eccelsa et Insigne Arte dei Formaggeri, che si conclude con l’incoronazione dei vincitori del concorso del miglior formaggio.

Per informazioni: tel. 338 4812496 oppure <link=’http://www.monteveronese.it’ class=’_blank’><italic><underline>www.monteveronese.it</underline></italic></link>

Matteo Bellamoli

banner-gif
Articolo precedenteSpeciale nuovi sindaci Mauro Fiorentini (Grezzana)
Articolo successivoInaugurato Energyland, il Parco fotovoltaico della Lessinia