Azioni e programmi per giovani dai 18 ai 30 anni, per incentivare al protagonismo e alla cittadinanza attiva. Questi alcuni degli obiettivi del progetto TAG, Territorio Attivo Giovani, di cui il Comune di Sona è il capofila

Una rete di 37 Comuni dell’Ovest veronese hanno dato vita ad un progetto tutto dedicato ai giovani dal nome TAG, acronimo di Territorio Attivo Giovani. Azioni concrete, programmi e spazio a ragazze e ragazzi tra i 18 e i 30 anni, che possono mettersi alla prova e misurarsi con il mondo, perchè le idee valgono, e tutti hanno il diritto di realizzare i propri sogni.

La rete e l’aggregazione dei soggetti attorno al progetto nasce dall’analisi del quadro della situazione giovanile sul nostro territorio e in generale in Italia:

  • il 60 % dei giovani italiani con meno di 25 anni dipende dalla famiglia di origine mentre è la minoranza negli altri paesi europei;
  • tra i diciottenni, i ragazzi della “generazione zero”, l’87,3 per cento pensa che sia molto difficile muoversi verso l’alto nella scala sociale e il 69,3 per cento che al contrario sia molto facile scendere verso il basso.
  • nel 2017 il Veneto è stata la terza regione in Italia per flusso di emigrazione in età giovanile [9500 unità] il 9,3% del totale italiano.
  • in Italia non esiste una legge quadro nazionale in materia di politiche giovanili con stanziamenti economici dal 2006

Tra gli obiettivi del progetto, quello di restituire la fiducia nelle proprie idee ai giovani, e ancora permettere l’incontro con percorsi orientativi non formali. Come? Attraverso la diffusione di prototipi progettuali funzionanti. E questo si realizza grazie alla presenza di educatori professionali, forniti dall’Ulss 9 Scaligera.

Capofila del progetto è il Comune di Sona, in collaborazione con le cooperative i Piosi, Hermete e Fondazione Edulife, e il sostegno di Fondazione Cariverona, che per il progetto ha stanziato 450 mila euro.

Al progetto hanno aderito anche i comuni di Affi, Bardolino, Brentino Belluno, Brenzone sul Garda, Bussolengo, Caprino Veronese, Castelnuovo sul Garda, Cavaion Veronese, Costermano sul Garda, Dolcè, Fumane, Garda, Lazise, Malcesine, Marano di Valpolicella, Mozzecane, Negrar, Nogarole Rocca, Pastrengo, Pescantina, Peschiera del Garda, Povegliano Veronese, Rivoli Veronese, Sant’Ambrogio di Valpolicella, Sant’Anna D’Alfaedo, San Pietro In Cariano, San Zeno di Montagna, Sommacampagna, Torri del Benaco, Unione Tartaro Tione, Valeggio sul Mincio, Vigasio, Villafranca di Verona, Isola della Scala, Ferrara di Monte Baldo.

banner-gif
Articolo precedenteEsce “Bike Tourgether”, un libro contro la fibrosi cistica
Articolo successivoPoldi Pezzoli, una casa museo anche un po’ veronese