Sono quasi conclusi i lavori per i primi due km della Garda by Bike, la ciclopedonale che collegherà tutti i paesi del lungolago entro il 2021. Siamo andati a Limone sul Garda dove il 14 luglio sarà inaugurato il primo tratto

Tutti la conoscono come “ciclovia dei sogni”. Un po’ per il suo essere a strapiombo sulle acque del lago di Garda e un po’ per l’ampiezza del panorama che ci si trova di fronte. La prima tratta della ciclabile del Garda a breve aprirà i cancelli, il 14 luglio, per inaugurare il suggestivo collegamento  tra Limone e Riva, lungo due km.

Passaggio fondamentale prima di cominciare i lavori era mettere in sicurezza l’intero tracciato, sistemando le barriere paramassi.

La ciclovia, che avrà un costo complessivo di 102 milioni di euro, è stata finanziata con i fondi di confine. 3.500 euro al metro lineare, se si considerano anche le barriere, che andavano sistemate in prossimità delle gallerie.

La pista, ad opera compiuta, sarà lunga 140km, e la data stimata per la conclusione dei lavori è il 2021. L’esempio di Limone, ora, può essere uno stimolo per tutti gli altri comuni del lago.

Con uno strapiombo di oltre 20 metri, quella tra Limone e Riva del Garda può essere considerata la tratta più affascinante di tutto il lago, ma è stata anche la più critica per i lavori. Tutti i lavoratori dell’azienda Georock Srl sono stati formati per lavorare in corda.

Articolo precedenteVa bene il Direttore della Felicità, ma quello dell’inclusione dov’è?
Articolo successivoCoworking, a Verona pioniere fu Phoenix Group