Martedì 15 dicembre alle 21 al teatro Camploy si terrà lo spettacolo a scopo benefico “Una culla tra le stelle”, organizzato dalla 1ª Circoscrizione in collaborazione con Doc Servizi con il sostegno di Agsm ed Amia e di numerosi sponsor privati. L’evento concluderà la mostra di pittura e scultura che si terrà dal 7 al 13 dicembre nella sede del Circolo Ufficiali di Castelvecchio.

I fondi raccolti nel corso dell’evento saranno devoluti all’associazione ‘Semi per la Sids onlus’, che promuove ogni forma di informazione e di prevenzione per poter arginare il problema delle morti neonatali e che si offre anche come sostegno psicologico e operativo alle famiglie che ne sono colpite.
Lo spettacolo sarà presentato da Elisabetta Gallina e aprirà con la battuta all’asta delle opere esposte nella mostra al circolo Ufficiali, appositamente cedute da vari artisti non professionisti. Battitore d’eccezione sarà Luca Residori.

A seguire si succederanno un balletto di danza classica dell’Académie d’Art ChoregraphiqueRossana Sechi A.S.C., esecuzioni liriche della Mezzosoprano veronese Marina Panarotto e del Tenore lirico leggero Marco Cedri, un balletto/musical del CTSM Cineteatro San Massimo (Direttore Artistico Daniele Volpin) e, in conclusione, un’esibizione della ballerina di fama internazionale Myrna Kamara con la Compagnia BalletXtreme.

A conclusione dello spettacolo sarà offerto al pubblico un piccolo buffet dall’associazione Pasticceri Veronesi, dal Consorzio Tutela vino Durello e dalla ditta Chef Party.

«Una lodevole iniziativa – dice l’assessore ai Servizi sociali Anna Leso – che vuole portare l’attenzione sul drammatico problema delle morti in culla attraverso un evento piacevole e di qualità, che avrà anche il compito di contribuire a sostenere la ricerca».

«Un ringraziamento particolare va alla commissione Servizi sociali della 1ª Circoscrizione e al suo presidente Daniela Palumbo – aggiunge il presidente della 1ª Circoscrizione Daniela Drudi – per il grande impegno messo nella realizzazione di questo eccellente evento».

banner-gif
Articolo precedenteUSA: gli anni ’70 del cinema in una rassegna imperdibile
Articolo successivo«Consiglierei il Veneto a chi vuol vivere bene»