eliporto-lessinia-cerro-veronese

Da un’idea del vicesindaco di Cerro Veronese, Rino Brunelli, subito sostenuta dall’Amministrazione comunale e da alcune realtà locali, è stata realizzata poche settimane fa un piazzola regolamentare per l’elisoccorso. È la prima in questa zona, aiuterà gli operatori del Suem 118 nelle operazioni di intervento con l’eliambulanza.

Una piazzola verde in cemento ruvido di cento metri quadrati, dieci per lato. Al centro un grande cerchio giallo di otto metri di diametro contenente una “H” (di helicopter, in inglese) rivolta in direzione nord così come impongono le normative internazionali. Siamo in via dello Sport, in contrada Lonico, a Cerro Veronese. Da qualche settimana, a pochi passi dall’ingresso del campo sportivo, campeggia questa opera tanto semplice quanto importante per la comunità, non solo di Cerro, ma dell’intera Lessinia centrale.

L’idea di realizzare la piazzola è nata all’attuale vicesindaco Rino Brunelli, subito condivisa con la sindaca Nadia Maschi e con gli altri componenti dell’Amministrazione comunale: «Quest’estate, una signora in villeggiatura a Corbiolo si è sentita male» racconta Brunelli «Allertato immediatamente il 118, si è reso necessario chiamare l’intervento dell’elicottero di Verona Emergenza. Il pilota ha individuato il campo da calcio  di Cerro come punto di atterraggio più sicuro. Una volta giunta sul posto l’ambulanza, i soccorritori si sono accorti che il cancello di recinzione era chiuso da un lucchetto. Fortunatamente c’erano alcune persone che in pochi minuti hanno recuperato una trancia dando accesso al personale di soccorso con la barella».

«Dopo aver  di quanto era successo, mi è venuto in mente che in quel punto dove adesso sorge la piazzola, in passato c’era una piastra che nel tempo era stata ricoperta da materiale di riporto» prosegue il vicesindaco «Grazie alla pronta collaborazione del Gruppo Alpini di Cerro e di altri volontari abbiamo ripristinato il quadrato, ripulendo l’area attorno da sterpaglie e potenziali ostacoli. Poi abbiamo dipinto con il colore offerto dalla ditta Casati di Poiano, ovviamente rispettando le ferree indicazioni fornite direttamente dai responsabili dei Suem del Polo Confortini di Borgo Trento».

«Speriamo che non serva in futuro, tuttavia, oggi abbiamo un punto “ufficiale” e sicuro in cui gli uomini del Suem e i volontari della Croce Verde sanno dove incontrarsi in caso di necessità» conclude Rino Brunelli «Pensate che una volta ripartito da qui, l’elicottero raggiunge il Pronto Soccorso in città in tre minuti. Un servizio fondamentale e di un’importanza enorme per la tutela della salute delle persone».