Paolo Arena

Al via la terza edizione del concorso Best of Wine Tourism promosso dalla Camera di Commercio dopo il grande successo dello scorso biennio. Da Adelaide a Bordeaux, da Mendoza  a San Francisco, a Casablanca Valley in Cile, la rassegna legata al mondo dell’enoturismo vede Verona unica città italiana ad essere presente nella rete delle Grandi Capitali del Vino.

Best of Wine Tourism premia le aziende vitivinicole e di servizio nel mondo del vino che si distinguono per la qualità dei loro servizi turistici. Si può concorrere in diverse categorie. Sei sono per le imprese vitivinicole: ricettività, ristorazione, architettura e paesaggio, arte e cultura, esperienze innovative per l’enoturismo e pratiche sostenibili per l’enoturismo. Una settima categoria è prevista per le imprese di servizio alla filiera del vino. Ciascuno dei vincitori nelle sette categorie parteciperà alla selezione internazionale di Best of Wine Tourism che si terrà a novembre a Bordeaux in Francia.

Visitare un museo del vino, fare un pic nic tra i vigneti o addirittura soggiornarvi, adottare una vigna, festeggiare il proprio compleanno in vigna con un barbecue o visitare i campi in bici elettrica, mountain bike e anche in vespa, cucinare in cantina con servizio di baby sitting. Sono solo alcune delle esperienze creative che gli enoturisti possono sperimentare nelle aziende vitivinicole veronesi, valorizzate dalla Camera di Commercio nell’ambito della manifestazione anche con la guida che raccoglie tutte le imprese partecipanti.

“Si va dalle esperienze gourmet e luxury affiancate a esperienze rurali, come i viticoltori eroici, e legate alle tradizioni antiche – spiega Paolo Arena, componente di Giunta della Camera di Commercio di Verona e giurato del concorso – ma quel che conta è che si tratti di esperienze, il turismo esperienziale è l’evoluzione dell’enoturismo come abbiamo potuto verificare selezionando le aziende vitivinicole veronesi vincitrici del Concorso Best of Wine Tourism. Abbiamo scoperto nelle prime due edizioni del concorso come l’enoturismo si stia diversificando: è un esempio perfetto di sistema dove alla base c’è l’impresa che racconta al turista il territorio attraverso ale produzioni agroalimentari, dove gusto, storia e bellezza si fondono in un’unica espressione di un territorio. E il nostro compito é di farlo conoscere e di promuoverlo”.

Nelle scorse edizioni sono state premiate dal concorso di Great Wine Capitals a livello internazionale la galleria Olfattiva di Zeni e il museo del vino di Masi. La Camera di Commercio raccoglie in una guida tutte le imprese partecipanti al concorso che verrà diffusa sul territorio e all’estero.

 

Articolo precedenteVilla Modena, il coworking dentro un complesso storico
Articolo successivoVia i lucchetti da Castelvecchio