Il consorzio Bim Adige di Verona ha deciso di destinare 40mila euro in favore della ricostruzione post sisma nella provincia di Teramo.

I 64 consorzi di bacino imbrifero montano hanno unanimemente deciso di sostenere il progetto di ricostruzione di un fabbricato che verrà individuato dal consorzio associato di Vomano-Tordino, nella provincia di Teramo, e che andrà a beneficio della collettività.

Il terremoto del 6 aprile scorso, sebbene in minore gravità, ha colpito anche il teramano, unica provincia abruzzese in cui è presente un consorzio di bacino imbrifero montano.
La stima dei danni è stata ingente, sia per quanto riguarda il patrimonio artistico, sia per gli edifici pubblici e privati.

La federazione nazionale Federbim consegnerà la somma raccolta, che si stima raggiungerà i 2 milioni e 500mila euro, al presidente del consorzio di Vomano-Tordino dopo aver ricevuto copia del progetto di esecutività approvato dal Comune interessato.

“Sono molto soddisfatto per quanto ha deliberato il Bim Adige di Verona e per l’adesione degli altri consorzi – afferma il presidente Bima Franco Rancan, componente della giunta nazionale di Federbim – e sosterrò l’iniziativa in sede nazionale affinché la realizzazione del progetto avvenga in tempi molto brevi”.

Ufficio stampa Consorzio Bim Adige
Fabiana Bussola tel. 347.3827010

banner-gif
Articolo precedentePIANO CASA: GIUNTA APPROVA REGOLAMENTO ATTUATIVO
Articolo successivoPITTORI IN CARCERE: L'ARTETRA LE MURA DI UN PENITENZIARIO