Siamo quasi entrati nel secondo mese dal passaggio al segnale digitale terrestre ma la situazione sembra ancora tutt’altro che stabile.
Eccezione fatta per i possessori di antenna parabolica per la ricezione del segnale satellitare TvSat, che in Lessinia sono una discreta percentuale, le famiglie che sono collegate tramite antenna tradizionale al segnale digitale terrestre ancora non possono dirsi completamente soddisfatte.

In bassa Valpantena, in un’area che potremmo estendere sino a Quinto, possiamo dire che la situazione è ottimale. I canali si ricevono senza problemi, e le difficoltà sono semmai da segnalare per i bosghi più nascosti e con serie difficoltà di ricezione del segnale. Già da Grezzana si notano alcuni scompensi, dovuto alla valle stringente e ai ripetitori di alcuni canali che non funzionano a dovere. In alcune abiatazioni cambiano addirittura le ricezioni da un apparecchio all’altro, facendo sorgere il dubbio che la potenzialità del digitale sia supportata principalmente se muniti di antenne nuove, e impianti da poco restaurati.

In alta Lessinia alcune zone hanno lanciato l’allarme. A Vestenanova la sitauzione è pessima, con una bassissima percentuale di abitanti in grado di ricevere tutta l’offerta Rai e Mediaset. Secondo le associazioni di settore, occorrerà aspettare qualche mese perchè la situazione si stabilizzi, ma dato che nel momento del passaggio si parlava di "qualche settimana", qualche dubbio sull’attendibilità di queste affermazioni è sorto a più di un telespettatore.

Matteo Bellamoli

banner-gif
Articolo precedenteApprovato il riparto del fondo sanitario regionale 2010
Articolo successivoIn calo i matrimoni nel Veneto: meno 16,6% rispetto al 1998