Dieci anni di marmo, di femminilità, di professioniste instancabili: il compleanno del prossimo 6 ottobre sarà una tappa importante nella vita dell’associazione “Le Donne del Marmo”, che nell’ultimo decennio si è fatta strada nel mondo difficile del lapideo, senza rinunciare all’orgoglio e alla sensibilità tutte femminili.

Portare un tocco di femminilità nel mondo del marmo, tradizionalista e inflessibile quasi quanto il materiale stesso, non è certo cosa facile. Ma “Le Donne del Marmo”, associazione che riunisce le tante figure femminili che operano nel settore lapideo, ci sono riuscite, con successo. Il prossimo 6 ottobre l’associazione festeggerà i primi dieci anni di vita: dal 2006 “Le Donne del Marmo” promuove e sostiene tante professioniste che vogliono fare del marmo un’esperienza complessa, fatta di geografia, storia, cultura locale, tradizione ma anche emozionalità.

Tanti eventi in programma per celebrare l’importante appuntamento. A partire dalla 51^ edizione di Marmomacc dove anche l’associazione sarà presente con il suo stand. Con l’obiettivo di esprimere a 360° le potenzialità della pietra naturale, le Donne del Marmo hanno deciso quest’anno di fare della scultura, vera espressione artistica di questo materiale, la protagonista della fiera.

Al loro stand le troverete affiancate da “I profumi del marmo”, felice intuizione di una giovane di Carrara che ha voluto associare il nobile materiale ad alcune fragranze che riuscissero ad evocare ricordi ed emozioni della sua terra natale. Marmomacc sarà anche l’occasione per consegnare il premio “Donna del Marmo”: quest’anno il prestigioso riconoscimento sarà assegnato a Francesca Alix Nicoli, critica d’arte e production manager degli Studi d’Arte Nicoli di Carrara, premiata per l’impegno nella sua professione, sempre eseguita con l’attenzione alla bellezza della scultura.

Ma le Donne del Marmo saranno protagoniste anche di Marmomacc & the City: per l’occasione hanno fatto realizzare allo studio Cursanini di Carrara una statua, in marmo Bianco Carrarae plexiglass, intitolata “Sospensione 2.0”, che verrà posizionata in Piazza Bra, di fronte alla Gran Guardia.

Buon compleanno, allora, a queste donne dalla forza, si può dire, granitica.

Articolo precedenteEsilio dalla Siria: incontro con lo scrittore Shady Hamadi
Articolo successivoIl marmo da indossare, l’idea rivoluzionaria di Alice Zantedeschi