Si è svolto ieri sera negli spazi di Corte San Felice a Verona il tradizionale scambio di auguri dei soci delle cooperative energetiche Energyland, WeForGreen e WeForGreen Sharing. Tre realtà che affondano le radici nel lontano 1923, quando in Valpantena nacque per volere di 26 famiglie di Lugo, una delle prime società idroelettriche del veronese. Da quell’esperienza e da quella intuizione sono nate, a partire dal 2011, le tre cooperative che tuttora rappresentano un modello a livello nazionale.

Energyland, WeForGreen e WeForGreen Sharing mettono insieme 717 soci provenienti da tutto lo Stivale, persone che hanno deciso di diventare diventare prosumers di energia, ovvero produttori e consumatori nello stesso tempo, condividendo un progetto sostenibile dal punto di vista ambientale ed economico.

Tre società che possono contare sull’apporto di cinque campi fotovoltaici distribuiti tra Veneto e Puglia in grado di produrre quasi sette milioni di chilowattora in un anno, di cui circa un quarto utilizzati dai soci e tre quarti prodotti, non consumati, e a disposizione di nuovi soci consumatori. Ottimi anche i ricavi e, soprattutto, il valore distribuito ai soci che nel 2017 è stato di 319, 481 euro, di quasi un milione dal 2012 ad oggi.

Un modello di compartecipazione energetica che si può definire win win, dove a vincere sono tutti, produttori, consumatori e ambiente. Un modello che piace e che ha ricevuto in particolare nell’ultimo biennio importanti e prestigiosi riconoscimenti, non da ultimo quello di Legambiente ricevuto il 27 novembre scorso.