camion

Ennesimo incendio doloso nel settore trasporti, il deputato del Pd invoca la Direzione Distrettuale Antimafia di Venezia: “Criminalità organizzata penetra indisturbata nella nostra provincia”.

“Un magistrato antimafia per Verona”. Lo invoca il deputato del PD Vincenzo D’Arienzo dopo l’ennesimo incendio doloso contro un’azienda veronese legata al mondo dei trasporti.

Nella notte tra sabato e domenica alla Tabarrini, ditta che produce cassoni  e ribaltabili, è scoppiato un incendio: un camion distrutto e due danneggiati il bilancio.

Sono “atti intimidatori” li definisce D’Arienzo, da tempo attivo nel denunciare il fenomeno e che ha telefonato al presidente della commissione antimafia Rosi Bindi. Il deputato dem ha rincarato: “Sono stufo di dirlo. La perfetta conoscenza del nostro territorio e dei protagonisti del segmento economico dei trasporti e l’assoluta capacità e facilità di colpire con il classico degli strumenti intimidatori qual è l’incendio, dimostrano la forza della criminalità organizzata di penetrare indisturbata nella nostra provincia. Confermo la convinzione che a Verona serva un magistrato della Direzione Distrettuale Antimafia di Venezia e spero che prima o poi  chi deve decidere se ne renda conto”.

D’Arienzo, assieme al collega Alessandro Naccarato, ha invitato tutti gli amministratori del suo partito a partecipare a un incontro proprio per discutere di infiltrazioni mafiose e sul come difendersi

GUARDA IL VIDEO DI TV7 VERONA NETWORK: 

banner-gif
Articolo precedenteIl cuore di Haiti batte sulle note della John Papa Boogie band
Articolo successivoFate la vostra scelta, quella contro l’abbandono