Il palazzo cinquecentesco subì le pene dell’abbandono dopo la Seconda Guerra Mondiale. Divenuto proprietà del comune nel 1922, è stato per anni la sede dell’Istituto d’Arte Nani. Poi, a seguito del trasloco del liceo nel 2010, gli affreschi, risalenti al XVI, sono rimasti a dialogare con i rifiuti, assediati, ogni giorno, dall’erosione dell’acqua.

Sono sempre state vive le speranze su quello che alcuni residenti del quartiere di Veronetta hanno battezzato, con il rammarico accresciuto negli anni, un “malato terminale”. Certo; si sono affievolite, dopo la frenata del governo giallo-verde che ha congelato (per poi ritrattare e confermare l’erogazione anche se “dilazionata”) i 18 milioni del Bando Periferie.

L’edificio, di proprietà del Comune, è affidato in gestione alla Provincia. Oggi Amia ha fatto un sopralluogo nel giardino che affaccia su via San Nazaro. Mentre il cortile fratello che dà su via XX Settembre è quotidianamente fruibile, non si può dire lo stesso di questa area esterna preda di topi e sporcizia.

Ad essere minacciate, in questo scrigno urbano, sono soprattutto le meraviglie dipinte da India, Farinati e Carnera. Il patrimonio artistico, architettonico e culturale è immerso nel limbo dell’incertezza. A dare l’allarme ancora tre anni fa alcuni docenti universitari di Beni Culturali che si erano detti preoccupati per lo stato di conservazione di opere di inestimabile valore, frutto dei migliori pittori del Cinquecento nel panorama veneto. Fregi stupendi che rimangono ancora lì perché, fortunatamente, non si possono asportare o rubare. Le piogge delle scorse settimane non hanno certo fatto un favore ai paesaggi dal sapore mitologico infilati e perduti tra gli stucchi. Nelle sale più grandi i camini intarsiati da Bartolomeo Ridolfi sono provati dai saccheggi di vandalismi costanti. Bottiglie, coperte, persino un letto approntato (e come dare torto all’improvvisato inquilino) sotto un soffitto affrescato. Il degrado sembra duellare ogni giorno con la bellezza rinascimentale tra le stanze di questo palazzo dichiarato inagibile da anni.

Guarda il servizio: