#6maggioconilsorriso è la serata benefica che si svolgerà il 6 maggio all’Auditorium del Banco BPM a Verona e che vedrà la premiazione delle scuole di secondo grado di Verona e provincia che hanno partecipato alla Prima Edizione del “Premio Maria Vittoria Marcolini” – Bando di Concorso “Disabilità e Sport: binomio ricco di potenzialità”.

Il Premio è stato istituito per ricordare Maria Vittoria, studentessa ed atleta veronese scomparsa improvvisamente in un incidente stradale il 22 dicembre 2015, portando avanti così i suoi ideali e le sue virtù: il sorriso, la determinazione, la gioia e la positività anche nelle situazioni difficili.

L’iniziativa, promossa dall’associazione “Il Sorriso di Mavi” con la partecipazione di ASFA e patrocinata dalla Provincia di Verona e dai Comuni di Verona, San Pietro in Cariano, Bovolone e Legnago, rientra nel progetto “S-Lancio senza Ostacoli”, che vuole favorire l’inclusione sociale dei giovani con disabilità negli ambiti dell’istruzione, dello sport e del tempo libero.

La Vision de “Il Sorriso di Mavi” è donare un futuro da protagonista alle deboli bellezze giovanili e creare valore per considerare la persona come ricchezza e non come mezzo.

Cinque Istituti Scolastici hanno accettato la sfida e si sono messi in gioco riflettendo sul reale concetto di inclusione presentando diversi elaborati: l’Istituto Seghetti di Verona, l’Istituto Medici, l’I.I.S. Silva-Ricci, l’I.S.I.S.S. Minghetti e il Liceo Cotta di Legnago.

La Commissione che giudicherà gli elaborati è composta da Roberto Marcolini, padre di Maria Vittoria, Niki Leonetti, ideatore del progetto “Si può fare: perché no?”, Valentina Bazzani, giornalista e scrittrice, Xenia Francesca Palazzo, campionessa di nuoto paralimpica, Alessandro Toaiari Vicepresidente di ASFA.

La serata, allietata dal gruppo musicale “On the River”, sarà un momento di sensibilizzazione per abbattere le barriere mentali presenti nella nostra società attraverso i Progetti che “Il Sorriso di Mavi” intende realizzare per i giovani con disabilità.

L’ingresso è libero e i fondi raccolti andranno a sostenere le iniziative solidali dell’associazione.

banner-gif
Articolo precedenteRegalità e Potere, Shakespeare e il teatro classico: tutto questo al Teatro Laboratorio
Articolo successivoRobert Capa, spiegato bene