Il 28 novembre si è celebrata la 19^ Giornata della Colletta Alimentare: 8.990 tonnellate di cibo raccolto, che andranno ad aiutare chi si trova in difficoltà. Un dato importante, vista l’analisi della Coldiretti che rivela un’Italia bisognosa.

Preoccupanti i dati che emergono dall’analisi di Coldiretti sulla base di dati Istat, secondo cui sono oltre 6 milioni le persone in Italia che non hanno denaro a sufficienza neanche per alimentarsi adeguatamente ed hanno quindi bisogno di aiuto per mangiare. L’analisi è stata diffusa in occasione della 19^ edizione della Giornata nazionale della colletta alimentare, promossa dalla Fondazione Banco Alimentare con il quale è stata realizzata una profonda collaborazione nell’ambito di Expo.

In Italia è infatti pari al 12,6 per cento la percentuale di individui in famiglie che se lo volessero non potrebbero permettersi un pasto proteico adeguato ogni due giorni.

Le maggiori difficoltà dal punto di vista alimentare si registrano – continua Coldiretti – nel mezzogiorno di Italia dove la percentuale sale al 17 per cento, tra le famiglie monoreddito dove è il 17,3 per cento e tra le persone sole con più di 65 anni con il 14,5 per cento.

La situazione risulta ulteriormente peggiore, se si pensa che ogni anno è stimato che ciascun italiano sprechi 76 chili di prodotti alimentari – una quantità che sarebbe più che sufficiente per garantire cibo adeguato per tutti i cittadini.

Un problema che riguarda in Italia l’interna filiera dove gli sprechi alimentari – conclude la Coldiretti – ammontano in valore a 12,5 miliardi che sono persi per il 54 per cento al consumo, per il 21 per cento nella ristorazione, per il 15 per cento nella distribuzione commerciale e per l’8 per cento nell’agricoltura e per il 2 per cento nella trasformazione.

Anche per questo motivo iniziative come quella della Giornata della Colletta Alimentare sono un segno importante, di speranza e solidarietà nella nostra società: quest’anno sono state 8.990 tonnellate di cibo raccolte, destinate a chi non può permetterselo.

banner-gif
Articolo precedenteDiabete, l’aiuto arriva dagli amici a quattro zampe
Articolo successivoEditoriale 65 | In nome di nessun Dio