Montagna

Nella giornata di ieri è stata presentata, nella Sala Rossa del Palazzo Scaligero, la rassegna di eventi dedicati al 500° anniversario della nascita di Francesco Calzolari, il botanico, farmacista ed erborista veronese che studiò, analizzò e promosse per primo il patrimonio naturalistico del Monte Baldo.

Mostre, convegni, premi, appuntamenti gastronomici e visite guidate coinvolgeranno diversi comuni del Baldo, in una rassegna diffusa che occuperà la primavera e buona parte dell’estate.

Gli eventi della rassegna

Il primo degli eventi in calendario è venerdì 18 marzo alle 9 presso la Caserma Massena a Rivoli, quando Coldiretti Verona proporrà un convegno, per le aziende agricole del comprensorio Baldo-Garda-Valdadige, sul valore sociale, economico e ambientale della biodiversità. Il 25 marzo, alle 18, il secondo appuntamento alla Polveriera, con l’inaugurazione della mostra “Il viaggio di Monte Baldo”, in collaborazione con la Fondazione Museo Storico del Trentino.

Al paesaggio è dedicato l’incontro del 23 aprile alle 11 in località Zovo a Caprino, con la presentazione del punto panoramico “dalla Chiusa al Monte Baldo” a cura di Legambiente “Circolo il Tasso”: un’area denominata “anfiteatro morenico di Rivoli” e caratterizzata da colli dall’altitudine costante che creano una forma semicircolare quasi geometrica e unica nel suo genere.
Dal 29 aprile fino all’8 maggio nel centro di Rivoli, si terrà la festa degli asparagi che ospiterà un’ampia rassegna di piante aromatiche e officinali. Inoltre, nel contesto dell’evento il 5 maggio, anniversario di nascita del Calzolari, in collaborazione con Coldiretti verrà presentato un piatto dedicato al famoso botanico veronese.

Sabato 21 maggio – alla vigilia della Giornata mondiale della biodiversità – istituzioni e associazioni venete e trentine si daranno appuntamento alle 9 presso la sala consiliare dell’Unione Montana in villa Nichesola a Caprino per un convegno a sostegno della presentazione della candidatura del Baldo a Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. L’evento individuerà le connessioni tra gli aspetti
ecologici-ambientali e storico-culturali della montagna.

Tante le iniziative culturali e didattiche parallele avviate per il 500° anniversario della nascita del botanico: venerdì 3 giugno alle 11 verrà inaugurata la mostra allestita dagli alunni alla primaria del paese con disegni, diari e fumetti, sabato 18 alle dieci a Forte Rivoli quella dedicata al “biotopo Sabbioni” – zona che ospita alcune specie di orchidee selvatiche – in collaborazione con A22 Autostrada del Brennero proprietaria dell’area, mentre il 24 luglio alle 11 presso malga Valfredda aprirà la mostra sulla figura di Francesco Calzolari, con un erbario e numerosi volumi che fanno riferimento al botanico. Le mostre resteranno aperte tutti i giorni festivi dalle 9 alle 18.

Uno dei momenti più attesi è senz’altro quello del 10 luglio quando, alle 10 alla Polveriera di Rivoli, verrà assegnata la prima edizione del premio “Francesco Calzolari”, destinato a chi si è particolarmente distinto nel campo delle scienze.
Infine, sono già iniziate e proseguiranno anche nel periodo primaverile ed estivo le visite guidate lungo i passi del Calzolari sui versanti del Baldo, alla scoperta di una ricchezza e di una biodiversità che fanno della montagna veronese un patrimonio da tutelare e promuovere. Le escursioni sono organizzate dalla biblioteca (info 3386272483), Legambiente (3357687791) e associazione Giros (330720550).

Gli eventi sono organizzati dal Comune di Rivoli Veronese in collaborazione con le associazioni locali, la Fondazione Museo Storico del Trentino e Coldiretti Verona e il patrocinio della Provincia di Verona, Regione del Veneto, Provincia Autonoma di Trento, Unione Montana Baldo Garda, Comuni veronesi e trentini del Monte Baldo. Hanno collaborato, inoltre, gli Ordini dei Farmacisti di Verona e di Trento.

banner-gif
Articolo precedenteDavide Cobelli: «Italiani, vi smonto i miti sul caffè!»
Articolo successivoI Vagamondi, una “ciurma” alla scoperta del mondo (in camper)