GREZZANA – Sono passati quasi due mesi dal servizio andato in onda su Rai Due nel corso dell’ultima puntata di "L’Ultimaparola", il programma di approfondimento della seconda rete nazionale.

Dal titolo "poveri noi" la puntata del 20 luglio ha approfondito tra le altre cose anche la situazione imprenditoriale ed occupazionale del Nord Italia, focalizzando su alcuni degli hinterland commerciali più fruttuosi come Brescia, Vicenza e la nostra Verona.

Proprio qui, per descrivere lo stato in cui versano le aziende, le telecamere di Rai Due hanno puntato con decisione i loro obiettivi sulla Valpantena, etichettandoci come «una delle zone più produttive d’Italia». Arturo Alberti, di Alberti Lamiere, e Germano Zanini, ideatore del progetto Energyland, hanno risposto alle incalzanti domante di Di Lorenzo, che ha puntato l’attenzione su come aziende iper produttive fino a qualche anno fa siano ora costrette a navigare a vista e con i capannoni mezzi vuoti.

Il segnale però è positivo. La Valpantena è stata scelta per lanciare il segnale d’allarme: se anche qui non si lavora, in una zona che per storia e tradizione ha sempre avuto gli stabilimenti in super attività, significa che qualcosa va cambiato, subito.

<link=’http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-027cd9b6-8b7d-4143-95f9-fa99af38118b.html’ class=’_blank’><italic>Guardate il video da qui</italic></link>.

Matteo Bellamoli

banner-gif
Articolo precedentePrimavera welcome back torna il sole su Verona
Articolo successivoUn italiano su tre rinuncia all'auto per famiglia e cibo