Sabato scorso in località Orsara di Grezzana, a tagliare il nastro d’inaugurazione tricolore (lungo più di dieci metri) del campo fotovoltaico Energyland c’erano proprio tutti: famiglie, bambini, tecnici, volontari, autorità. Tutti insieme muniti di numerose paia di forbici per un gesto simbolico che ha voluto ribadire ancora una volta la filosofia di questo grande progetto condiviso: Energyland è un’iniziativa di sviluppo del territorio. Una finanziaria, Finval, che ha riunito sotto la sua ala in poco più di un anno oltre 90 soci (di cui 35 imprese) con un milione di euro di capitale da destinare a progetti di rilancio e di sviluppo per la Valpantena e la Lessinia; una rete di impresa, Energy4life, composta da 22 aziende sempre del territorio che hanno realizzato l’impianto; una cooperativa che ora metterà a disposizione di circa 300 soci le quote dell’impianto stesso per permettere alle famiglie di Grezzana e dei comuni limitrofi di risparmiare sulla bolletta, di avere una rendita finanziaria garantita dal Terzo Conto Energia dello Stato, il tutto nel pieno rispetto dell’ambiente.

«Il Signore ci ha dato l’intelligenza e i mezzi per pensare a progetti innovativi, e quando la tecnologia viene utilizzata per iniziative che hanno un beneficio per molti e tendono al bene comune, non possiamo che essere felici» ha spiegato Don Bruno Fasani, presente sul palco ad Orsara «Per questo oggi è un grande momento di festa per tutti».

«Ricordo che la Valpantena non è nuova a iniziative di questo genere» ha proseguito Don Fasani dando la Benedizione «Esattamente 88 anni fa, a Lugo nacque per volontà di Don Fontana, parroco del paese, la prima cooperativa idroelettrica, la Lucense, che portò l’energia elettrica e quindi sviluppo e benessere, a molte persone che fino ad allora vivevano in condizioni di estrema povertà. Energyland porta nel suo DNA quello spirito pioneristico, anche perché i suoi ideatori sono i discendenti diretti delle famiglie del 1923».

«È una giornata storica per la Valpantena e per la Lessinia» ha aggiunto Germano Zanini, presidente di Finval «Come 88 anni fa siamo qui oggi a testimoniare una nuova idea, un nuovo modello condiviso. Sappiamo quanto la nostra vallata stia soffrendo la crisi occupazionale, con decine di aziende, in particolare del settore lapideo, messe in ginocchio da un momento davvero particolare. Energyland lancia un messaggio, un segnale forte: cittadini, aziende, famiglie che si mettono insieme per alzare la testa e guardare al futuro con serenità e rinnovato entusiasmo. Il Parco fotovoltaico della Lessinia vuole essere soltanto il primo di una lunga serie di progetti che Finval, la public company del territorio ha intenzione di promuovere e portare avanti. Si parlerà in questi anni di riqualificazione industriale, nuove tecnologie, infrastrutture…».

Durante la giornata di inaugurazione, accompagnata dalla note musicali della Banda cittadina di Grezzana, gli organizzatori, in collaborazione con il Comitato festeggiamenti Santa Viola, hanno offerto un pranzo sul campo e nel pomeriggio è iniziata la festa del bambino con il clown Marcolino, il maestro Adelino Girlanda, il presentatore Daniele Bellorio che, insieme ai tanti bimbi che sono accorsi con le loro famiglie ad Orsara, hanno riproposto un assaggio di quanto avvenuto una settimana prima al Cantalessinia, il festival della canzone di Cerro: musiche, canti, giochi, intrattenimento e addirittura una gara di aeroplanini di carta che ha coinvolto grandi e piccini.

La grande festa di sabato era stata anticipata da un convegno che si è tenuto venerdì presso il Centro culturale Eugenio Turri di Grezzana e che ha visto la partecipazione di numerose autorità. L’incontro aveva lo scopo di spiegare alla cittadinanza il progetto Energyland, i suoi vantaggi e il modello della cooperativa che garantirà a molte famiglie opportunità di risparmio, nel rispetto dell’ambiente.

Per informazioni o adesioni alla Cooperativa Energyland è disponibile un Numero Verde 800 901 808 e il sito <link=’http://www.energyland.it’ class=’_blank’>www.energyland.it</link>

Matteo Scolari

banner-gif
Articolo precedente21^ Festa del Monte Veronese a Erbezzo domenica 29 maggio
Articolo successivo100 anni della Foresta di Giazza domenica 12 giugno la festa