VERONA – Svelato da un team di ricerca veronese uno dei meccanismi del sistema immunitario che sta alla base delle malattie infiammatorie ed autoimmuni.
Si tratta di una glicoproteina, recentemente scoperta dal gruppo di lavoro guidato da Gabriela Constantin, docente di Patologia Generale del Dipartimento di Patologia e Diagnostica che, dopo anni di ricerche ed esperimenti, l’ ha identificata come una delle principali cause responsabili di patologie dai risvolti molto gravi.

Tim-1, questa la sua sigla distintiva, il suo nome. Poche lettere che fino ad oggi non avevano un significato compiuto nel lessico comune italiano se non per gli addetti ai lavori.

Grazie a questa importante ricerca il mondo intero punterà il dito verso di lei, verso la principale responsabile delle malattie infettive ed autoimmuni come la sclerosi multipla, donando agli scienziati nuovo materiale da studiare e testare nel tentativo di debellare alcune tra le malattie più crudeli conosciute.

“Non sono uno scienziato, ma ho preso informazioni: la scoperta di uno dei principali meccanismi alla base di molte patologie autoimmuni, come la sclerosi multipla, realizzata dal team di giovanissimi ricercatori dell’Università di Verona, è di quelle per le quali tutto il mondo e milioni di malati dovranno ringraziare la qualità della ricerca che si fa in Veneto” queste le parole del Presidente della Regione del Veneto che ha aggiunto “Forse altri nel mondo sono più bravi a fare marketing e a vendersi al mondo dell’informazione ma questa squadra di straordinari ricercatori, tanto giovani che il primo firmatario dello studio ha 30 anni, ha dimostrato una volta di più il livello scientifico e umano raggiunto dalla sinergia tra sanità e ricerca, che ha portato il sistema veneto ai vertici internazionali, al pari di tanti concorrenti più illustri solo perché più abili nel pubblicizzare i loro lavori. Da questa scoperta, della quale andiamo orgogliosi, ritengo possa partire una battaglia planetaria contro patologie gravi e gravemente invalidanti che, una volta vinta, potrà consentire di individuare nuovi farmaci e terapie avanzate capaci di portare giovamento alle sofferenze di tanta gente, nel Veneto, in Italia, nel Mondo, afflitta da queste patologie”.

Lo studio, dal titolo: “La glicoproteina Tim-1 lega il recettore di adesione selectina-P e controlla il traffico dei leucociti nelle malattie infiammatorie e autoimmuni" è già stato pubblicato negli Stati Uniti.

Marco Nicolis

banner-gif
Articolo precedenteVerona scende in piazza per il Venezuela
Articolo successivoIl Film Festival del Veneto sbarca a Verona