Lidia Caricasole

Lidia Caricasole, giovanissima ballerina veronese, sarà tra le 12 danzatrici ammesse alla prestigiosa Juilliard School di New York.

E l’unica studentessa internazionale ad inseguire oltreoceano il proprio sogno. In punta di piedi.

di Giulia Zampieri

DANZA dall’età di 5 anni, e da quando ha deciso di dedicare a questa forma d’arte tutta la sua passione ha percorso la strada che da casa porta alla sala prove della Vic Ballet Academy di Verona più di 26 mila volte. Ogni giorno, con lo stesso sogno in testa: diventare una ballerina professionista.

Oggi, dopo 11 anni di studio, affrontati con passione e vera umiltà, questa distanza ha ironicamente assunto un altro valore perché equivale esattamente ai chilometri che separano Lidia dalla Juilliard School di New York. Almeno fino a settembre, quando sarà l’unica studentessa internazionale a studiare e ballare tra le aule di una delle più prestigiose scuole di arti e spettacolo al mondo.

Tutto nasce da una promessa, ci racconta Lidia, quando nel 2013 la sua insegnante di danza la incoraggia a tentare l’ammissione per il corso estivo alla Juilliard. Due anni di duro lavoro, affrontato tra le ore di studio e le 14 ore settimanali di prove, portano Lidia oltreoceano: nel 2015 è anche lei una delle 22 ragazze a frequentare le 3 settimane di corso estivo.

«Dopo quell’esperienza, ben presto quella promessa è diventata un sogno: tentare l’ammissione al corso universitario di 4 anni». Il primo tentativo è nel febbraio 2016, quando Lidia ottiene la tanto sospirata audizione. Poco dopo, la notizia: Lidia è tra le 7 ballerine in lista di attesa.

«La prima reazione è stata di sconforto e delusione, ma poco dopo ho sentito crescere in me una determinazione ancora più forte. Così ho deciso che per l’anno a venire mi sarei dedicata con ancora più forza e dedizione a questo sogno». Con la preziosa e insostituibile guida dei suoi insegnanti, a febbraio 2017 Lidia vola ancora a New York per la sua seconda audizione.

«Quel giorno ero agitatissima, e oltre alla comprensibile tensione, avevo dormito poco e non stavo bene. Ho superato, speranzosa e anche sorpresa, le varie selezioni previste e due settimane dopo ho ricevuto la telefonata tanto attesa. Questa volta, con un esito positivo!».

Dopo la felicità iniziale, arrivano le questioni pratiche però: la retta per il primo anno di studio è molto alta e nonostante la borsa di studio, l’incondizionato supporto della sua famiglia e i risparmi che Lidia mette da parte lavorando come commessa, una parte è ancora scoperta. «Abbiamo così pensato di lanciare una raccolta fondi: la generosità e il supporto che amici, conoscenti ma anche sconosciuti hanno dimostrato per me significa davvero molto!».

COSA LE ASPETTA ORA? A fine agosto Lidia raggiungerà New York e inizierà a vivere il suo sogno: ogni giorno lezioni di danza, classica e moderna, e poi laboratori coreografici e lezioni accademiche perché l’obiettivo di questa scuola è quello di formare, attraverso la danza, degli artisti a tutto tondo.

Quattro anni, quelli che aspettano Lidia, trascorsi lontano da casa e dalla sua famiglia certo, ma condivisi in un campus animato dall’entusiasmo e dalla passione di giovanissimi talenti provenienti da ogni parte del mondo. E poi?

«Dopo questi anni di studio, che di certo saranno intensi e preziosissimi, mi piacerebbe ballare in una compagnia. All’estero, perché in Italia la danza è una forma d’arte spesso dimenticata». E poi chissà, magari ritornare per custodire qui quel patrimonio, invisibile ma essenziale, che ci rende ciò che siamo.

I sogni sono a portata di Fundraising. Le mancavano 12.254 dollari per riuscire a pagare la retta del primo anno alla Juilliard di New York , e allora Lidia ha pensato di mettere online il suo sogno. Come?  Attraverso una campagna di raccolta fondi sul portale generosity.com, e poi la ricchezza d’animo di qualcuno ha fatto il resto.  L’ultima volta che noi abbiamo guardato era arrivata, a furia di donazioni da amici e sconosciuti, a quota  10.926 dollari.
Per donare: www.generosity.com/education…/lidia-dreams-juilliard