È stata presentata lo scorso 23 giugno al Teatro Orlandi di Velo Veronese l’edizione numero 41 di Lessinia – Ieri, oggi e domani. Una fotografia accurata e appassionata del “travaglio culturale” che connota questo territorio.

Ad aprire il pomeriggio e a fare gli onori di casa il regista Alessandro Anderloni che ha presentato l’opera assieme agli autori e al professor Ugo Sauro, presidente dell’Accademia della Lessinia onlus. «Il numero 41° del Quaderno documenta, con la varietà dei contributi di molti autori, come sulla Lessinia ci sia ancora moltissimo da dire e da scoprire. – scrive Sauro nell’incipit del nuovo volume – La Lessinia è fonte inesauribile di scoperte ed espressione insieme sia del travaglio culturale che caratterizza gli abitanti e i frequentatori di questa montagna, sia della ricchezza di “contenuti” naturalistico-ambientali e storico-culturali del territorio prealpino. La sfida per il futuro è proprio quella di mantenere viva e di incrementare l’avventura umana, condivisa tra gli operatori culturali e i lettori, di scoperta del territorio».

Nata nel 1978, la rivista costituisce una delle espressioni più significative della dinamica culturale e della presa di coscienza dell’importante patrimonio storico, territoriale e ambientale dei Monti Lessini e vi collaborano da sempre anche storici e firme accademiche. «La realizzazione del Quaderno è frutto dell’impegno di numerosi appassionati i quali si sono alternati nel compito di portarlo avanti e di renderlo sempre più bello anche da un punto di vista editoriale. – conclude il professor Sauro – Purtroppo, alcuni dei vecchi amici ci lasciano: nel 2017 è mancato l’instancabile e appassionato collaboratore Lino Benedetti del quale il figlio Gianluca ci tratteggia un ricordo in questo volume».

In oltre quarant’anni di storia della rivista sono stati pubblicati più di 1.150 articoli per un totale che supera le 8.600 pagine. Il Quaderno ha goduto sinora del supporto della Fondazione Cariverona e della Cassa Rurale Vallagarina, le quali ne hanno permesso la diffusione in oltre 300 istituzioni quali scuole e biblioteche selezionate della Lessinia, della città e della provincia di Verona, e della Vallagarina.