quaderno della dorsale

Successo anche del terzo numero dei  Quaderni, la pubblicazione ideata dall’Associazione Montorio Veronese e resa possibile grazie al contributo degli autori delle storie e degli sponsor. Nel libro vengono valorizzate le tradizioni, l’evoluzione della “Dorsale” – la collina ad Est della Valpantena che collega le due valli –  il massiccio insediamento urbanistico del secolo scorso, l’arte e i gioielli artistici “minori”.

Nel settore dedicato agli «Illustri ma sconosciuti» e alle «Istantanee», vengono presentati donne e uomini straordinari che sul territorio hanno lasciato il segno. Pensiamo alla “Levatrice” Lina Donini, che con i suoi oltre cento anni ricorda con trepidazione i suoi «3000 bimbi nati vivi» in Valpantena. Agostino Zenari a Montorio, il cui profilo tracciato dalla preziosa penna dello scrittore Donatello Bellomo, lo fa rivivere quale innovatore che, dovunque andasse, illuminava la strada con il suo sorriso. E poi Anna, l’ostessa della Valsquaranto: una grande donna che i ciclisti, fermandosi nel cortile, non dimenticheranno.

Capitolo “Scuola”

Senza nulla togliere ai ragazzi della scuola della seconda media dell’Istituto “Luigi Simeoni”, in questo numero emerge la ricerca degli alunni della 4^ elementare dell’I.C. Pascoli di Grezzana. A partire dal titolo «Il giorno della Memoria». I ricordi inediti raccolti dai nonni fanno rabbrividire e l’urlo «Basta Guerre», viene spontaneo.

Il 3° Quaderno della Dorsale, verrà presentato, sabato 2 aprile alle 16.30, in sala Bodenheim del Centro “E. Turri” (Via A. Segni 2). L’ingresso è libero.

banner-gif
Articolo precedenteMadres: l’origine di un nuovo universo in Veronetta
Articolo successivoPer la parità di genere nel mondo del lavoro: il Manifesto delle avvocate di AIAF