Dal 23 al 25 giugno la Lessinia diventa capitale europea delle due ruote.

Lessinia Legend, la marathon più lunga e famosa d’Italia, quest’anno è ospitata all’interno del primo Lessinia Bike Festival. Tre percorsi in mountain bike, dal Classic all’Extreme, passando da un livello intermedio, arricchiti da un vastissimo programma di appuntamenti dedicati a grandi e piccini, con eventi enogastronomici, musicali e culturali.

Il 23, 24 e 25 giugno prossimi, a Bosco Chiesanuova, va in scena la prima edizione del Lessinia Bike Festival. Un weekend ricco di eventi e iniziative, per sportivi allenati e non, con al centro sempre (e solo) la mountain bike, in tutte le sue, più svariate, declinazioni.

Nel paese che ha dato i natali ai campioni olimpici Fulvo Valbusa e Paola Pezzo, e che sarà il quartier generale dell’intera manifestazione, verranno allestite anche un’area expo dedicata ai prodotti tipici locali, e la seconda edizione del Verona Outdoor Expo.

«Abbiamo realizzato un programma ampio di appuntamenti proprio per consacrare la ventesima edizione della Legend – spiega Simone Scandola, organizzatore e anima della manifestazione assieme a Remigio Birtele, Emiliano Ferrari e lo stesso Fulvio “Bubo” Valbusa –  Nata nel lontano 1997, rappresenta oggi uno degli eventi più estremi, e per questo anche più attesi, del panorama europeo. Il suo percorso da 125 km, appartiene alla categoria di eventi sportivi divenuti ormai simboli di un epico insieme di sport, fatica e scenari naturali di indimenticabile bellezza».

«Un evento sportivo che lo scorso anno ha visto la partecipazione di oltre 700 iscritti, molti provenienti dal Sud Italia, tanti altri da Paesi quali Belgio, Germania, Austria e Svizzera – conclude Scandola – e oggi, a pochi giorni dalla chiusura delle iscrizioni, abbiamo ampiamente superato questo tetto. Segno, forse, che il lavoro che stiamo portando avanti è buono. Vorrei, inoltre, ricordare che oltre a me, Remigio, Emiliano e Fulvio e gli altri componenti dell’Associazione Lessinia Sport Eventi, ci sono più di duecento insostituibili volontari che permettono la realizzazione, assieme agli sponsor, di questo evento davvero unico nel suo genere».

banner-gif
Articolo precedenteDalla Lessinia, la scarpa per lo spazio
Articolo successivoUn laboratorio “tra terra e mare”