OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il termine «sfida» ha molti significati. Uno di questi è «provocazione che ha lo scopo di suscitare una reazione da parte di altre persone». E in questo caso la provocazione si è concretizzata in un progetto che da ormai 23 anni viene portato avanti con tenacia da Roberto Nicolis e dall’Associazione Sportiva Dilettantistica di cui è presidente: La Grande Sfida Onlus.

L’A.S.D. La Grande Sfida è una realtà che dal 1996, come si legge tra le righe del programma, ha cercato di dare vita ad “un’utopia”, quella di far incontrare le persone con disabilità con la città, in particolare Verona. Un’iniziativa che nasce nel 1990 con le attività del progetto Handicap & Sport all’interno del Centro Sportivo Italiano scaligero in collaborazione con il Comune di Verona e l’allora Ulss 25. È solo dopo diversi anni ed estensioni ad altre zone del veronese che, nel 1996, nasce la manifestazione internazionale di sport, arte, cultura e incontro La Grande Sfida International, promossa dal 2017 dall’A.S.D. La Grande Sfida Onlus, con l’obiettivo di far coincidere mondi diversi per abbattere insieme le barriere psicologiche, architettoniche e culturali che li dividono. Come? Da una parte valorizzando le persone affette da disabilità e rendendole un bene prezioso sul quale investire attraverso attività sportive, artistiche, ma anche lavorative (nel 2015 più di duemila le persone disabili che hanno partecipato al progetto) ; dall’altra, coinvolgendo la società (ad oggi circa 70 comuni della provincia veronese e 307 realtà tra associazioni, scuole e parrocchie).

Parte con questi presupposti, ormai sedimentati nel cuore del progetto e dei suoi sostenitori, l’edizione 2018 de La Grande Sfida International che, dal 22 maggio al 9 giugno, animerà Verona e parte della provincia con diverse e interessanti attività. Un assaggio del ricco programma si è avuto mercoledì 25 aprile con lo speciale spettacolo benefico al Teatro Camploy Abitare il limite durante il quale si sono esibiti quattro gruppi di danza-teatro dell’Associazione. Ed è proprio il rapporto quotidiano con il “limite” a essere il fil rouge di tutta l’edizione 2018 dell’iniziativa che, come sempre, ruoterà intorno al fulcro rappresentato dalle due settimane dedicate alla campagna di sensibilizzazione Anch’io sono capace! Negozi senza barriere.

L’iniziativa, giunta alla sua decima edizione, permetterà ai ragazzi con disabilità dei centri diurni delle Ulss9, C.F.P. e Istituti Alberghieri di affiancare i titolari in negozi o mercati in attività socio-lavorative. Il progetto, che si svolgerà dal 2 al 18 maggio, avrà un carattere itinerante e si sposterà di città in città, giorno dopo giorno, toccando 245 esercizi commerciali tra Peschiera del Garda, Villafranca, Bussolengo, Cerea, Verona e Caldiero.

Dal 22 maggio, invece, inizierà il programma ufficiale con la seconda Mostra di opere d’arte nelle vetrine dei negozi del centro cittadino. Una vera e propria “street gallery” che sarà visibile fino all’8 giugno.

Si tornerà in pista il 26 maggio con una gara internazionale di nuoto e il concerto con gli On the River in Gran Guardia alle 18.15. Si proseguirà poi domenica 27 maggio con il congresso internazionale Abitare il limite e, nel pomeriggio, giochi e sport in piazza Bra.

Venerdì 1 giugno partiranno le attività di IncontrArti con alcuni artisti di strada dalle diverse abilità che esporranno espressioni e installazioni artistiche nel cuore di Verona fino al 2 giugno, con i festeggiamenti in onore della Res Publica=Festa dei beni comuni e del bene comune. La manifestazione si chiuderà il 9 giugno con la grande festa conclusiva Vengo anch’io? Sì, tu sì! alla discoteca Encore dove, per una sera, sulla bocca di tutti, saranno due le parole chiave che, i limiti, non li hanno mai conosciuti: divertimento e gioia di vivere.

Per informazioni, contattare o partecipare all’A.S.D. La Grande Sfida Onlus: 045 4743087

lagrandesfida@tiscali.itwww.lagrandesfida.org

banner-gif
Articolo precedenteL’arte sotto nuove luci
Articolo successivoVerona si conferma polo nazionale della cooperazione energetica