Martedì 28 settembre alle ore 12, presso la sala conferenze della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio di Verona, sarà presentato il Protocollo d’intesa sottoscritto dalla Soprintendenza e  dall’Associazione Angeli del Bello “per i primi interventi urgenti finalizzati alla salvaguardia ed al ripristino del decoro di beni immobili del centro storico di Verona in riferimento al fenomeno del vandalismo grafico”. 

La Soprintendenza valuta e autorizza tutte le opere e i lavori sui beni culturali e paesaggistici.  L’Associazione Angeli del Bello promuove la cittadinanza attiva per il rispetto e la cura dei beni comuni,  attraverso azioni concrete di volontariato urbano. Grazie a questo accordo, che semplifica il procedimento di autorizzazione ai sensi dell’art. 21 del D.Lgs.  42/2004, personale qualificato, con l’ausilio di membri dell’Associazione, potrà intervenire sugli immobili oggetto di notifica ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del Codice dei Beni Culturali per la rimozione di scritte  vandaliche e di affissioni abusive, secondo modalità di intervento dettagliate nel protocollo stesso. 

Una modalità di azione che ha l’obiettivo di contrastare il dilagante fenomeno del vandalismo visivo, che  deturpa i nostri beni culturali e i paesaggi urbani e che richiede una particolare rapidità di intervento al  fine di prevenire danni irreversibili. 

La Soprintendenza con la firma di questo Protocollo sottolinea l’importanza della collaborazione e della  condivisione di intenti con le associazioni culturali per un’azione costruttiva e pienamente sinergica, volta a tutelare il decoro e la bellezza del centro storico di Verona.

Articolo precedenteUniCredit dona cinquemila euro al Gruppo Asperger Veneto
Articolo successivoGiornate europee del Patrimonio, visite speciali all’Ossario di Custoza