Dall’8 ottobre al 5 marzo 2017 il Palazzo della Gran Guardia ospiterà la mostra “I Maya. Il linguaggio della bellezza”: tributo ad una civiltà misteriosa e affascinante, la mostra è organizzata da Arthemisia Group e Kornice, con la collaborazione di AMO – Arena Museo Opera e il fondamentale contributo dell’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia del Messico (INAH).

Dall’8 ottobre al 5 marzo 2017 il Palazzo della Gran Guardia di Verona ospiterà la mostra “I Maya. Il linguaggio della bellezza”, una delle più grandi ed esaustive esposizioni che siano mai state prodotte a livello internazionale, con oltre 300 opere provenienti dai principali musei del Messico.

Resa possibile grazie al generoso e fondamentale intervento dellIstituto Nazionale di Antropologia e Storia del Messico (INAH), la mostra è promossa dal Comune di Verona con il supporto di Arena Museo Opera (AMO), ed è prodotta e organizzata da Arthemisia Group e Kornice.

La mostra è stata presentata oggi alla stampa dal Sindaco Flavio Tosi, dalla presidente di Arthemisia Group Iole Siena, dall’amministratore delegato di Kornice Andrea Brunello e dal professor Antonio Aimi, curatore dell’esposizione.

“Siamo orgogliosi di poter presentare a Verona questo tributo ad una delle civiltà più misteriose e affascinanti della storia del genere umano” ha detto il Sindaco Tosi: “grazie a uno straordinario concorso di forze, che ha visto unirsi il nostro Paese con i più prestigiosi istituti culturali del Messico, Verona avrà la possibilità di godere di questa opportunità irripetibile, che certamente saprà attrarre nella nostra città migliaia di visitatori. Prosegue quindi con successo la collaborazione con Arthemisia, per proporre grandi eventi espositivi che sappiano attrarre, anche al di fuori della stagione estiva, un flusso costante di turisti e visitatori. Come ha affermato il Ministro Franceschini da Città del Messico, annunciando la mostra a Verona, si tratta di un’esposizione straordinaria e unica in Italia nel suo genere, destinata a portare grandi numeri, con centinaia di migliaia di presenze previste”.

banner-gif
Articolo precedenteInisheer, melodie irlandesi per il terzo appuntamento di LessinaFest
Articolo successivoAnna Pedrinolla premiata dall’American College of Sports Medicine