In occasione del Mobility Day RadioTaxi Verona lancia il nuovo progetto Giulietta Card, una carta nominale prepagata che permette di viaggiare in tranquillità senza bisogno di contanti o carte di credito. Per chiunque faccia richiesta della Giulietta Card nel corso della giornata dedicata alla mobilità sostenibile, sarà attivata gratuitamente e applicato un extra bonus del 10%.

Domenica 25 marzo torna il quarto appuntamento di Mobility Day, la giornata ecologica a favore della mobilità sostenibile durante la quale le automobili dovranno restare ferme dalle 10 alle 19 nell’area di limitazione al traffico allargata. E tra bus e navette anche Unione Radiotaxi Verona ha lanciato un’iniziativa per incentivare gli spostamenti in città senza dover ricorrere alla propria auto: Giulietta Card.

Una carta prepagata nominale utile che non richiede l’inserimento di codici pensata per chi non vuole portarsi i contanti in tasca o per chi non dispone di carte di credito (o, ancora, per chi non ne ricorda mai il pin).

«Chi chiederà l’acquisto di Giulietta Card durante i Mobility Day del 25 marzo, 8 aprile o 22 aprile, la carta verrà fornita con l’attivazione gratuita e un extra bonus del 10% sul traffico. – spiega il Presidente do RadioTaxi Verona, Mirco Grigolato – L’abbiamo lanciata proprio adesso in occasione del Mobility Day, ma è un prodotto che resterà».

Ma il nome dell’iniziativa, Giulietta, nasce da un progetto ben più ampio che ha al centro le donne: Taxi per Lei. «In realtà Giulietta Card è la chiusura di un progetto, avviato già da tempo, sulla sicurezza. La carta, infatti, è stata abbinata al servizio che stiamo facendo, e continueremo a fare, nei confronti della clientela femminile: ogni volta che portiamo a casa una donna di sera aspettiamo che entri o che ci faccia un cenno prima di andarcene».

Per informazioni sulle modalità di attivazione di Giulietta Card: info@radiotaxiverona.it , sul seguente sito o chiamare 045 532666. Il costo della card è di 50 euro.

banner-gif
Articolo precedenteMetodo Montessori, il bambino al centro
Articolo successivoQuanto mi ha tormentata la signorina Silvani