Stamattina, in località Téldari a Giazza, si è rinnovata la tradizionale accensione della carbonara. Ci vorranno 72 ore per estrarre dal cumulo costruito con legna, terriccio e foglie il pregiato “oro nero” che la famiglia Boschi utilizza tuttora nel ristorante di famiglia.

In una primavera preziosa nel farsi attendere, puntuale è arrivata stamattina l’accensione della carbonara di Giazza (Selva di Progno). Poco dopo lo scoccare delle 8, sotto una leggera pioggerellina, Nello Boschi e il figlio Giorgio hanno rinnovato l’antica tradizione. Coi carboni ardenti hanno donato calore alla catasta costruita ai Téldari con 50 quintali di carpine, faggio, frassino, nocciolo: pezzi di legno ricoperti da uno strato di terriccio e foglie. Le zolle erbose sono un altro segreto del mestiere dei carbonai: servono a isolare la struttura dall’ingresso d’aria che potrebbe compromettere la buona riuscita.

Da sinistra Giorgio e Nello Boschi

L’accensione segue un rito preciso: tre o cinque palate di braci, precedute dal segno della croce. La carbonizzazione continua per 72 ore, fino al naturale spegnimento. Ed è allora che si procede alla raccolta del pregiato “oro nero”: carbone dolce, tuttora utilizzato nella cucina del ristorante di famiglia. Per gli abitanti di Giazza, e non solo (questa mattina era presente pure una delegazione da Bondone di Trento), l’accensione della carbonara è un appuntamento primaverile irrinunciabile. Numerose persone si sono ritrovate nello spiazzo tra gli alberi per l’immancabile colazione a base di polenta, formaggio e soppressa oltre a cotechino e crauti.

Quella della famiglia Boschi è una tradizione che attraversa i secoli. Un omaggio alle popolazioni cimbre che dalla fine del Duecento popolarono la Lessinia, terra non a caso chiamata la “Montagna alta del carbon”, da dove partivano sacchi ricolmi di carbonella trasportati a valle sulle schiene delle donne del paese. Per la capacità di mantenere costante il calore senza produrre fumo, il carbone alimentava i fornelli delle case, le fucine dei fabbri, i ferri da stiro delle casalinghe.


I montanari non temevano la fatica. Allora come oggi. È impegnativo costruire una carbonara: richiede giorni di lavoro, grande esperienza. Ore di attesa, nel silenzio del bosco, a vegliare con pazienza che dal cumulo continui a fuoriuscire il fumo bianco. Ma a Nello e Giorgio non manca mai il sorriso. Anche se, tra una battuta e l’altra dei due esperti carbonai, l’attenzione rimane tutta per la “loro” carbonara.

Clicca qui per seguire l’evento in tempo reale.

Articolo precedenteIn Tanzania la solidarietà dei veronesi dà vita ad una scuola Primaria
Articolo successivo“Ci sto? Affare fatica”, i lavori estivi per il bene della città