VERONA – In ritardo rispetto alla montagna, dove i fiocchi hanno iniziato a cadere ieri pomeriggio, oggi la neve si è spostata più in basso, arrivando fino ai paesi più alti della Valpantena (Stallavena, Grezzana e Quinto). Strade pulite a bassa quota, interessate invece da neve sull’asfalto a partire circa da Cerro Veronese, dove le precipitazioni nevose sono molto copiose.ù

In Veneto è stato aperto lo stato di attenzione, dato che le molte zone alpine e prealpine potrebbero essere colpite da fenomeni molto abbondanti che richiederanno l’intervento celere dei mezzi spargisale e spalaneve per evitare l’accumulo della coltre.

Neve ancora molto leggera sul versante montoriese e nella valle di Illasi e Mezzane, dove la precipitazione è ancora mista ad acqua. In montagna invece, a Malga San Giorgio, in pista sulla parte del Gaibana, ci sono già fino a 40cm di battuto, e i fiocchi continuano a cadere con convinzione. Temperature in altitudine prossime ai -2°C come minima prevista durante tutta la giornata, mentre in vallata si arriva sino ai +2°C come massima.

Bollettini metereologici piuttosto certi sul meteo dei prossimi giorni.
Dovrebbe nevicare tutti i giorni fino a venerdì 18 compreso, prima di lasciare spazio a qualche giorno di nuvole. Toccasana per la montagna, che se tutto va come dovrebbe dovrebbe riuscire ad assicurarsi una buona copertura almeno per i prossimi 15gg, mentre in vallata occorrerà prestare molta attenzione.

Le temperature a bassa quota resteranno infatti più alte fino a mercoledì, con previsioni di precipitazioni miste ad acqua, mentre giovedì e venerdì scenderanno le colonnine regalando fiocchi più ghiacciati e più compatti.

Aggiornamenti costanti sul meteo sulle pagine di questo sito.

Matteo Bellamoli

banner-gif
Articolo precedenteAlle Stimate "Edith Stein" mostra dal 18 al 31 gennaio
Articolo successivoSan Giorgio, rumors di chiusura ma il weekend ha fatto il boom